Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa per violenza sessuale un 45enne trevigiano

ABUSI SULLA FIGLIA DELLA CONVIVENTE: A PROCESSO

La vittima, al momento dei fatti contestati, aveva 14 anni



TREVISO
- Accusato dalla compagna di aver abusato di sua figlia adolescente. E' la pesante accusa che pende sulla testa di un 45enne trevigiano trascinato in tribunale dalla convivente, e che rischia di costargli una condanna superiore a quanto già concordato con la Procura di Treviso. Di fronte a una richiesta di patteggiamento a un anno e due mesi di reclusione, con sospensione condizionale della pena, il gup Bruno Casciarri ha rinviato l'udienza a inizio marzo per capire se quei toccamenti subiti dalla 14enne possano essere giudicati come un fatto di lieve entità, e dunque permettere all'imputato di usufruire di un'attenuante specifica che possa ridurne la pena. Il giudice ha così messo in “stand by” la sentenza in attesa che il legale di parte civile per la madre della vittima, l'avvocato Jacopo Stefani, e il legale dell'uomo, l'avvocato Rossella Martin, producano le prove necessarie per stabilire con certezza che la 14enne non sia rimasta traumatizzata da quanto accaduto. Nessuna perizia psichiatrica, ma “soltanto” delle consulenze che possano determinare l'effettiva gravità delle contestazioni mosse dalla Procura di Treviso. I fatti contestati (si tratta di un unico episodio) risalgono al 2014. Madre e patrigno della vittima vivevano assieme da anni, tanto che per la ragazzina quell'uomo era ormai diventato suo padre. Vedendola crescere, e diventare sempre più bella, secondo l'accusa il 45enne si sarebbe quasi invaghito di lei tanto da entrare nella sua camera da letto, una sera come tante, per toccarle un seno. Un gesto del tutto involontario secondo la difesa, ma che la 14enne avrebbe giudicato in tutt'altro modo. Per questo ha raccontato tutto alla madre la quale ha deciso di sporgere denuncia contro il compagno e di costituirsi parte civile contro di lui a processo. Spetterà al giudice stabilire se i fatti contestati si siano verificati e la loro effettiva gravità.