Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Interrogato, dopo il secondo arresto, il 28enne Mohamed Diallo

LO SCAFISTA MALIANO SI DIFENDE DAVANTI AL GIUDICE

E' accusato di aver traghettato 300 disperati a Lampedusa



TREVISO
- Mohamed Diallo, il 28enne maliano accusato di essere uno degli scafisti che nel maggio scorso aveva guidato un barcone con cui aveva traghettato 300 migranti dalle coste libiche a Lampedusa, è comparso di fronte al gip Umberto Donà per l'interrogatorio di garanzia dopo essere stato nuovamente arrestato dalla squadra mobile di Treviso. L'uomo, al contrario di quanto suggerito dal suo legale d'ufficio, l'avvocato Loretta Liziero, ha scelto di non avvalersi della facoltà di non rispondere e di rendere al giudice la propria versione dei fatti. Cercando di discolparsi (anche se quanto ha riferito è coperto dal più stretto riserbo), non ha comunque ottenuto nessuna modifica della misura cautelare: il 28enne, per il momento, rimane infatti rinchiuso nel carcere di Santa Bona in attesa di sapere se dovrà essere trasferito o meno a Palermo, dove la Direzione Distrettuale Antimafia sta indagando su di lui, o se verrà direttamente espulso dall'Italia. Lo straniero, fermato alcuni giorni prima di Natale e liberato dal giudice del tribunale di Treviso il 26 dicembre per carenze nella documentazione, era ospite nell'abitazione di alcuni amici connazionali quando i poliziotti, ricevuto l'ordine di carcerazione dalla Sicilia, lo hanno ammanettato e portato dietro le sbarre. In base alle indagini  dell'antimafia palermitana, Mohamed Diallo avrebbe guidato lo scorso 30 maggio un barcone con a bordo circa 300 stranieri che cercavano di raggiungere l'Italia. I suoi due complici, un cittadino del Gambia e uno della Guinea, erano stati nel frattempo già arrestati rispettivamente a Milano e a Terni. Il presunto terzo scafista aveva invece risalito lo stivale e aveva trovato alloggio alla Caritas trevigiana per una notte e poi nella casa di alcuni connazionali. Su di lui pende l'accusa di ingresso illegale nel territorio dello Stato. Ad inchiodarlo c'è il racconto di numerosi stranieri che si trovavano a bordo del natante: oltre alla traversata del Mediterraneo per cui è finito in cella, gli investigatori sostengono che il 28enne sarebbe stato ideatore di altri "viaggi della speranza".