Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

NovitÓ di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nuovo processo a carico del patron della North East Services

ANCORA GUAI PER COMPIANO: FALSO IN BILANCIO DA 2 MLN

Sotto accusa i movimenti di denaro dell'azienda Autocom



TREVISO
– A due settimane dall'udienza preliminare per la bancarotta milionaria della Nes e a distanza di una settimana dall'ultima udienza per un'evasione fiscale da 16 milioni di euro, Luigi Compiano è tornato di fronte al giudice per rispondere dei reati di dichiarazione infedele e falso in bilancio. Per la prima ipotesi di reato il pm Massimo De Bortoli contesta un importo di circa 700 mila euro relativi alla società Autocom in quanto Compiano avrebbe fatto figurare elementi passivi per la custodia e la manutenzione di una lunga serie di autovetture risultate di proprietà del patron della Nes e non della società. La seconda ipotesi di reato riguarda sempre la Autocom in merito alla vendita fittizia, secondo la Procura, di un numero di veicoli non meglio precisato per un controvalore di due milioni di euro, utilizzata per far quadrare i conti dell'azienda e far apparire quella cifra come riserva disponibile.