Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Processati per direttissima quattro nomadi trevigiani

TRE ANNI E DIECI MESI ALLA "FAMIGLIA DEI FURTI"

Erano accusati di due colpi in abitazione a Tarzo e a Vazzola



VAZZOLA
- Tre anni e dieci mesi di condanne per la famiglia di nomadi dedita ai furti in abitazione. E' l'esito del processo per direttissima a carico di quattro persone (padre, madre, figlio e compagna, tutti difesi dall'avvocato Paolo Pastre) che erano finite in manette a dicembre dopo aver tentato di razziare un'abitazione a Tarzo. Per tutti erano stati disposti gli arresti domiciliari a eccezione di Denis Majer, 25 anni, che era stata liberata in attesa di giudizio. Nel frattempo la giovane aveva tentato un nuovo colpo a Vazzola: presi gioielli e contanti dall'abitazione, la 25enne era stata scoperta dai proprietari rientrati in casa. Lei aveva finto di svenire dopo aver nascosto il malloppo sotto il tappeto, ma la sceneggiata non le aveva evitato di finire in galera. Di fronte al giudice sono stati dunque giudicati entrambi i colpi, ovviamente con responsabilità diverse. La 25enne è stata condannata a un anno di reclusione, così come Donovan Carl, 43 anni, e la moglie Isabella Held, 38 anni. Il 22enne Kim, figlio della coppia nonché compagno della Majer, se l'è invece cavata con una condanna a dieci mesi di reclusione. Stando a quanto ricostruito dalla Procura di Treviso, i quattro avevano tentato di mettere a segno un furto in via Toniolo a Tarzo. Le due donne, dopo aver cercato di forzare la porta d'ingresso di un appartamento al piano terra, sarebbero state sorprese nel giardino dell'abitazione dalla proprietaria del bilocale al primo piano, che aveva dato l'allarme. Le due avevano finto di essersi perse dicendo se si trovavano nell'agriturismo che stavano cercando, ma la donna non era caduta nel tranello. I carabinieri, pochi minuti dopo, erano infatti giunti sul posto e avevano stretto le manette ai polsi di nuora e suocera, trovando poco distante anche padre e figlio che le stavano aspettando in auto. Per tutti venne disposto il rito direttissimo al quale si è aggiunta la nuova contestazione della Procura riguardo al tentato colpo a Vazzola.