Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Figura di sostegno negli aspetti tecnici o di gestione patrimoniale

"AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO", UN SERVIZIO SEMPRE PIÙ RICHIESTO

Interesse dal Tribunale di Treviso, in dialogo col volontariato


TREVISO - In una società dove aumentano gli anziani soli, le persone che vivono nell’emarginazione o in contesti di fragilità, i soggetti con disabilità o difficoltà psico-motorie, la figura dell’amministratore di sostegno è sempre più richiesta e può avere un ruolo centrale per il benessere di questi soggetti, spesso ai margini della vita sociale.

Volontarinsieme – CSV Treviso, nell’ottica di promuovere questa nuova forma di volontariato, ha introdotto due lezioni specifiche dell’Università del Volontariato, per supportare le associazioni impegnate nel servizio alla persona, fornendo così un’occasione per incrementare conoscenze e competenze.

Il 17 Marzo 2004 è entrata in vigore la Legge n. 6 che, nell'apportare modifiche alla disciplina in materia di interdizione e inabilitazione dell'infermo mentale, ha istituito l'amministrazione di sostegno. È importante evidenziare che, fino a tale momento, il nostro ordinamento prevedeva solo due istituti a tutela delle persone incapaci di agire, ossia l’interdizione e l’inabilitazione.
Queste erano procedure che, oltre ad essere lunghe e a presentare spesso notevoli costi economici, si ponevano come sovradimensionate rispetto alle effettive esigenze di protezione e di tutela della persona.
L'amministrazione di sostegno tende invece a spostare l’attenzione, da ragioni di conservazione del patrimonio della persona, alla tutela ed alla protezione di quest'ultima. Non si sostituisce alla persona in gravi difficoltà nel gestire i propri interessi ma si pone come un soggetto di aiuto quasi fosse un amico, valorizzando il ruolo centrale della persona che va salvaguardata sempre con il massimo rispetto, senza annullarne l'identità e le risorse in essa presenti.

“L’amministratore di Sostegno ha provocato una rivoluzione nel comparto della tutela giuridica delle persone con fragilità – spiega Alessia Munaro Ufficio tutela legale e patrimoniale CSV Belluno – Il volontariato ha un ruolo primario perché una persona che si mette a disposizione di un soggetto in difficoltà riesce a dare un valore umanistico al servizio, non solo tecnico amministrativo. La rivoluzione dell’ADS è mettere al centro la persona, affetta da varie disabilità, e costruire su di lei un progetto ad hoc.”

“Le difficoltà sono coniugare gli aspetti che richiedono risorse, energie, tempo e anche competenze, non facili da concretizzare nella vita quotidiana – aggiunge Alberto Franceschini Presidente di Volontarinsieme – CSV Treviso – Ecco che il nostro ruolo può essere questo, dare una risposta al bisogno emerso, supportando le associazioni che promuovono questa forma di volontariato, offrendo agli ADS volontari incontri di carattere tecnico giuridico fino ad istituire, in futuro, degli sportelli dedicati all’orientamento e al supporto di questi volontari.”

L’amministratore di sostegno, nell’aspetto pratico, cerca di comprendere il vissuto, il percorso e il tipo di bisogni del soggetto che segue, cercando di individuare le priorità e le azioni necessarie al benessere della persone seguita, rendendola il più possibile protagonista della sua vita.

“L’ADS non è chiamato solo a gestire gli aspetti tecnici, amministrativi o di gestione patrimoniale – prosegue Alessia Munaro – spesso la persona con disabilità o che vive delle fragilità, è sola, ha delle difficoltà, anche di dialogo e a volte con i famigliari. Ecco che l’ADS, nella forma volontaria, può essere una risposta, anche se è importante poter avviare sportelli che diventino riferimento per questa forma nuova e non semplice di volontariato.”

Anche il Tribunale di Treviso ha esplicitato una richiesta di collaborazione, nell’ottica di semplificare all’utenza la modalità di avvio della pratica per l’amministratore di sostegno – afferma Franceschini – Ci sembra importante questa apertura, che coglieremo per definire un percorso che porti ad un supporto territoriale e ad una sburocratizzazione necessaria anche ad incentivare questo tipo di volontariato.” “La finalità di questo progetto – conlcude Alessia Munaro - che tra l’altro è collegato ad un fondo europeo, è proprio quella di garantire una migliore applicazione della giustizia.”