Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Pronto il logo, coinvolti 15 Comuni e oltre 150mila abitanti

CONEGLIANO-VALDOBBIADENE: CITTÀ EUROPEA DEL VINO

Il 14 febbraio il passaggio di consegne in Portogallo


CONEGLIANO-VALDOBBIADENE - Il logo della capitale europea della cultura enologica è pronto e sarà presentato in anteprima europea domenica 14 febbraio a Reguengos del Monsaraz (Portogallo), in occasione del passaggio delle consegne tra la città portoghese e quella italiana. La nomina risale a fine 2015, quando Recevin, la Rete comunitaria delle 1.000 Città del Vino, riunitasi per l’occasione nella sede del Parlamento Ue, a Bruxelles, aveva decretato Conegliano-Valdobbiadene, l’area in cui si produce il Prosecco Superiore Docg, città europea della cultura enologica con la seguente motivazione: il progetto presentato rappresenta al meglio la continuità di una manifestazione che vuole essere al centro dell’attenzione dell’Europa e del mondo nel promuovere la cultura, l’identità, i paesaggi, i territori del vino”.

In questi giorni il Comitato di coordinamento della Città europea del vino 2016 Conegliano Valdobbiadene lo sta facendo pervenire a tutti i soggetti promotori di iniziative di valorizzazione del territorio. “Sono oltre un centinaio i soggetti che hanno collaborato alla costituzione del dossier di oltre trecento pagine, descrittivo di circa 150 eventi per un valore economico che supera i 5 milioni di euro in valorizzazione, animazione e promozione del territorio – spiega Floriano Zambon, sindaco di Conegliano e attuale presidente nazionale delle città del vino – I primi ad averlo sono stati naturalmente i 15 sindaci della regione del Prosecco Superiore, che sarà sotto i riflettori d’Europa quest’anno proprio grazie a questa investitura”.
Il programma finalizzato al dossier di candidatura era stato elaborato quest’estate dagli uffici turismo delle 15 municipalità che, coordinate da quello di Conegliano, un lavoro che è valso a Bruxelles l’assegnazione del titolo. “Quindici comuni per una popolazione di 150 mila abitanti, 3.200 aziende del comparto con 22 mila ettari agricoli, 5.400 addetti, un sistema culturale e del volontariato che, insieme ad albergatori e ristoratori, costituisce un comparto dedicato all’accoglienza – aggiunge il sindaco di Valdobbiadene, Luciano Fregonese - sono questi gli elementi che hanno qualificato il nostro territorio agli occhi dell’Europa e che ci fanno ben sperare per un’annata che ci vedrà protagonisti a livello europeo nel dibattito sulla cultura enologica. In questo siamo consapevoli di poter contare su tutti quei soggetti che detengono il sapere, come l’Università e la Scuola enologica, ma anche l'Enti di ricerca, Consorzio di tutela e altri".
Ma non basta, aggiunge il sindaco di Valdobbiadene e presidente dell'Osservatorio sul paesaggio: "Sarà un anno in cui si porteranno avanti riflessioni e confronti sul nostro territorio, per la salvaguardia e promozione dello stesso, con spirito collaborativo, mettendo in campo le elevate professionalità e competenze disponibili, per proseguire nel processo virtuoso di crescita sociale ed economica dell'area, anche in vista della prossima e prestigiosissima candidatura a patrimonio UNESCO".
L’anno europeo inizierà ufficialmente domenica 14 febbraio quando a Reguengos del Monsaraz (Portogallo) si terrà ufficialmente il passaggio del testimone della città europea del vino 2016.
“Stiamo attrezzando il territorio per farci trovare pronti all’arrivo di visitatori e turisti solleticati dalla comunicazione che ci deriva da questa investitura – spiega il coordinatore Benedetto De Pizzol – Cartelli di benvenuto in tutti i Comuni, una guida agli eventi in italiano e inglese, un sito web e una campagna social network per informare il territorio. Vogliamo che i primi a cogliere questa opportunità siano i nostri concittadini”.
Un ricco programma d’attività culturali e gastronomiche che animerà per tutto l’anno il territorio dei 15 Comuni: tante piccole Capitali della Cultura Enologica che riaccendono i riflettori sul patrimonio enoturistico italiano. Tra gli eventi istituzionali previsti dalla Città europea del vino quest’anno gli stage universitari che coinvolgeranno Champagne e prosecco superiore, la convention internazionale delle città del vino, i 140 anni della Scuola enologica, il 50 esimo della strada del vino (1966-2016) ed altre iniziative che rientreranno all’interno della Primavera del prosecco superiore, creatura dell’Unpli Veneto.