Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Le accuse: furto aggravato, lesioni personali e ingiurie

PICCHIA L'EX MOGLIE E LE RUBA L'AUTO: 45ENNE A PROCESSO

La donna lo ha trascinato in aula dopo l'ennesimo episodio



QUINTO DI TREVISO
– Picchia l'ex moglie, la insulta, prende una bottiglia di grappa da uno scaffale e le ruba l'auto per andarsene a fare un giro. Una serie di condotte che rischiano di costare davvero caro a un 45enne di Castelfranco Veneto, ma residente a Quinto di Treviso, finito a processo per rispondere dei reati di lesioni personali aggravate, furto aggravato e ingiurie.

L'uomo, difeso dall'avvocato Stefano Pietrobon, respinge però la ricostruzione fatta dall'ex moglie, sostenendo di non aver mai fatto nulla di quanto contenuto nella denuncia querela che lo ha spedito di fronte a un giudice. A trascinarlo in aula è stata infatti l'ex compagna, esasperata dall'atteggiamento aggressivo, secondo la Procura, di quello che fino a qualche mese prima era suo marito.

Gli episodi contestati risalgono tra il febbraio e il maggio 2013 e si sarebbero sempre consumati nell'abitazione della donna, nella quale l'ex marito era ospite, a cadenze settimanali per una notte, per vedere il figlio com'era stato disposto in sede di separazione.