Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, decisiva la collaborazione dei carabinieri con il Ris di Parma

COLPO AL COMPRO-ORO, TRADITO DA UN'IMPRONTA

Arrestato l'autore di una rapina del marzo dello scorso anno


TREVISO - Grazie ad un'impronta digitale, poi inviata al Ris di Parma, gli investigatori dei carabinieri della stazione di Treviso sono riusciti ad identificare e arrestare uno degli autori di una rapina che era stata messa a segno il 9 marzo dello scorso anno ai danni del negozio di “Compro-oro” di viale Oberdan a Treviso, lungo il put. A finire in manette, su ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip del tribunale di Treviso, un dominicano di 20 anni, Giosuè Edwin Lopez Peguero. Denunciato anche un complice, un connazionale di 23 anni, mentre si proseguono le indagini sul conto di un terzo giovane che avrebbe partecipato al colpo. L'arresto del caraibico è avvenuto sabato scorso, nella notte. Per risalire agli autori della rapina è stata fondamentale l'analisi delle telecamere di videosorveglianza del negozio.
Scorrendo le immagini gli investigatori hanno infatti notato che il 25enne aveva appoggiato una mano su una colonna di vetro: è stato così possibile ottenere le sue impronte digitali e quindi risalire a lui. Il colpo al “Compro-oro” che si trova a pochi passi da porta Santi Quaranta fu piuttosto violento e rapidissimo. I tre banditi, armati con una pistola e travisati con un passamontagna, sorpresero la titolare del compro-oro “Perla d'oro”, Anna Maria Prevedello che fu immobilizzata e incappucciata per evitare che potesse dare l'allarme. L'episodio avvenne alle 19, orario di chiusura del negozio. I malviventi riuscirono, nell'arco di pochi istanti, a mettere le mani su i gioielli che indossava, il suo pc personale ed il portafogli; poi fuggirono a piedi facendo perdere le proprie tracce.