Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Castelfranco, cameriere tenta la fuga per evitare il controllo

LAVORATORI IN NERO, STANGATA PER IL "MELODI"

Blitz sabato sera della direzione territoriale del lavoro


CASTELFRANCO - Dieci lavoratori su 15 in nero, tra cui due “buttafuori”, un albanese ed un kossovaro, cinque baristi e tre camerieri, uno dei quali è fuggito per non finire nelle maglie dei controlli degli ispettori della direzione territoriale del lavoro e della divisione amministrativa della polizia ma è poi tornato sui suoi passi. Questo l'esito di un controllo avvenuto sabato scorso alla discoteca “Melodi” di Castelfranco, in via Staizza. Il titolare dell'attività, un 27enne della zona, sarà costretto a versare una multa di circa 15mila euro e ad assumere a tempo indeterminato, per una durata minima di tre mesi, i dieci dipendenti irregolari, a cui dovranno essere versati inoltre i contributi. Nel caso il datore di lavoro non ottemperi a questa direttiva la multa raddoppierà, salento a 30mila euro. La polizia ha invece sanzionato la discoteca, al cui interno erano presenti sabato sera circa 700 persone (su una capienza di 1500), per un totale di 20mila euro; le multe sono dovute a mancanze nella cartellonistica anti-fumo, per l'assenza dell'alcooltest e per la presenza dei due addetti alla sicurezza che erano irregolari, senza tesserino di riconoscimento e non iscritti all'albo della Prefettura. Il “Melodi” era finito nel mirino della direzione territoriale del lavoro fin dallo scorso mese di dicembre: per ogni lavoratore irregolare sono stati infatti accertati almeno 13 giornate lavorative “in nero”. Il datore di lavoro, hanno accertato gli ispettori, aveva assunto in passato i dipendenti con contratti a tempo determinato per avere sgravi contributivi; al termine del contratto i dipendenti venivano retributi con dei voucher. L'ultima volta accadde, ha spiegato Sabrina Gaeta della direzione territoriale di Treviso, lo scorso 16 gennaio. Ai nostri microfoni le parole del dirigente della sezione anticrimine della Questura di Treviso, Luca Migliorini.

Galleria fotograficaGalleria fotografica