Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/183: IL TROFEO ROLEX SEGNA L'ORA DI PEDRO ORIOL

Lo spagnolo si aggiudica il primo titolo, secondo l'azzurro Gagli


GINEVRA - Tappa appetitosa del Challenge Tour, il Trofeo Rolex, si gioca dal 23 al 26 agosto al Golf Club di Ginevra, a Cologny, in Svizzera. Nasce nel 1921 il Golf Ginevra, con l’appoggio dei funzionari della Società delle Nazioni; ha un debutto modesto, un percorso situato su...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannato un 42enne magrebino residente a Roncade

RAPINATA IN CENTRO A MONTEBELLUNA: 3 ANNI E 6 MESI

Il pm aveva chiesto una pena finale di 4 anni e 8 mesi



MONTEBELLUNA
– Tre anni e sei mesi di reclusione per aver picchiato e rapinato una donna di 49 anni in pieno centro a Montebelluna. E' la sentenza pronunciata dai giudici del Tribunale di Treviso nei confronti di una magrebino di 42 anni residente a Roncade, resosi responsabile dell'agguato il 30 dicembre del 2012. Assieme ad altre persone rimaste ignote, secondo la Procura di Treviso l'uomo avrebbe avvicinato la vittima in una via del centro di Montebelluna e avrebbe iniziato a tirarle calci e pugni per portarle via la borsetta. Una volta afferrato il malloppo, il 42enne si era dato alla fuga con i complici senza lasciare tracce. All'interno della borse c'erano 200 euro in contanti, il telefono cellulare della donna e un lettore mp3. La vittima, dopo essersi ripresa dallo choc, era però riuscita a identificare il malvivente in sede di denuncia, così da facilitare le indagini degli inquirenti. La difesa, pur avendo rimediato di fatto il minimo della pena, ha già annunciato che farà ricorso in appello.