Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si è spento a 76 anni una delle glorie della pallacanestro trevigiana

ADDIO GIANNI AUGUSTO GIOMO, UN GRANDE DELLA PALLACANESTRO

Aveva giocato a Milano e Bologna, oltre che in nazionale


TREVISO - Il mondo della pallacanestro trevigiana ed italiana piange la scomparsa di Gianni Augusto Giomo, avvenuta questa mattina all'ospedale Ca Foncello dov'era ricoverato dal 14 dicembre. Era fratello di Attilio, politico, scomparso nell'agosto 2013 e Giorgio, altro grande ex giocatore. Gianni Augusto Giomo era nato a Treviso il 3 febbraio 1940. Dopo aver mosso i primi passi cestistici nella sua città giocando da playmaker, a 19 anni fu adocchiato dal Simmenthal Milano, dove restò una stagione, sufficiente però per vincere uno scudetto e regalargli l’esordio in nazionale nel ’59 in Italia-Spagna e, soprattutto, le Olimpiadi di Roma (high di 8 punti in Italia-Polonia 74-68). La sua esperienza alla Virtus Bologna iniziò nel ‘62 e terminò nel ‘68 (in mezzo anche una laurea in chimica, più tardi una in fisica, ed un tricolore giovanile da coach), quella in azzurro si sarebbe conclusa nel 1970: 50 presenze e 126 punti. Lo stesso anno iniziò la carriera di allenatore, dapprima alla Fluobrene Mestre fino al ‘75, dove scoprì e crebbe Renato Villalta portandolo con la Duco in A nel ‘73, quindi per due anni a Torino, con una finale di Korac ed in A2. Nel 1980-83 fu allenatore a Montebelluna in B, sfiorando la promozione in A2 nell’81, e nel triennio 89-92. Era fratello di Attilio, scomparso il 30 agosto 2013, e di Giorgio, 66 anni, anche lui grande ex giocatore e presidente della Benetton Basket. I funerali con rito civile si svolgeranno sabato: la salma partirà alle 10. 15 dall'obitorio e sarà cremata a Santa Bona.