Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Assolto in aula un 32enne residente a Ponzano Veneto

TRE ETTI DI HASHISH IN AUTO: ERA PER USO PERSONALE

Non c'era la prova di un0effettiva attivitÓ di spaccio



PONZANO VENETO
– Beccato con tre etti di hashish in auto è stato assolto perchè quella quantità di stupefacente era per uso personale. La vicenda giudiziaria di un 32enne residente a Ponzano Veneto si è infatti chiusa con una sentenza di piena assoluzione perchè il fatto non sussiste. Difeso dall'avvocato Daniele Panico, il giovane era finito sotto processo per direttissima dopo essere stato arrestato lo scorso 20 gennaio nel corso di un normale contrllo dei carabinieri a Povegliano. Il giovane era stato trovato in possesso di tre panetti di hashish da 100 grammi ciascuno e i militari gli avevano stretto le manette ai polsi contestandogli la detenzione di droga ai fini di spaccio. In aula il 32enne ha sostenuto di non aver mai venduto nemmeno un grammo di droga, ma che quei tre etti sarebbero stati la scorta che si era fatto per i mesi a venire. Oltre allo stupefacente, non era stato infatti sequestrato nessun altro elemento che potesse far pensare a un'attività di spaccio. E le prove di questa presunta “seconda vita” non c'erano. Motivo per cui il giudice ha accolto la tesi difensiva scagionando del tutto il 32enne.