Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Studio di Confartigianato: "Rischio sicurezza e consumi più elevati"

NELLA MARCA UN EDIFICIO SU DIECI È IN CATTIVE CONDIZIONI

Treviso al 78esimo posto tra le provincie italiane


TREVISO -  Sono 22.639 gli edifici in condizioni mediocri o pessime in provincia di Treviso, l’11.4% del totale. Se si considerano solo gli immobili costruiti prima del 1981 la percentuale sale al 15.8%. Di contro, risulta deteriorato solo l'1.5% di quelli realizzati nei trent'anni successivi. Rispetto ai dati regionali la percentuale di strutture che richiedono interventi di rifacimento/manutenzione è del 17%.
I dati sono stati rilevati da un’indagine dell’ufficio studi di Confartigianato che evidenzia che un quinto delle case italiane è vecchio e in cattive condizioni. Nel nostro Paese infatti 2.051.808 edifici residenziali, pari al 16,8% del totale, versano in mediocre o pessimo stato di conservazione. Una percentuale che sale al 21,1% per gli edifici costruiti prima del 1981.
In Italia si contano 12.187.698 edifici residenziali, l’84,3% del totale. Si tratta di case unifamiliari, ville e villette, case a schiera, palazzine in complessi residenziali e condomini oltre a negozi o sedi di attività a piano strada. I tre quarti (74,1%) di tali fabbricati hanno 35 anni e più di vita.
Nella classifica per regioni, il record negativo spetta alla Sicilia con il 26,8% del totale degli edifici residenziali in mediocre-pessimo stato di conservazione. Seguono la Calabria, con una quota del 26,2%, e la Basilicata con il 22,3%. Le cose vanno decisamente meglio in Umbria e in Trentino Alto Adige, regioni in cui la quota di case in cattive condizioni è la più bassa d’Italia e si limita al 10,7% del totale.Il Veneto è al 15° posto con il 12.6% di strutture a rischio, pari a 133.257 stabili.
A livello provinciale Treviso si attesta al 78° posto per presenza di fabbricati in degrado. Il primato è detenuto da Vibo Valentia (31,4% del totale), seguita da Reggio Calabria (31,3%) e Catanzaro (25,8%). Virtuose sono invece le provincie di Prato (8,2%), Bolzano (8,5%) e Siena (8,5%).
Le cattive condizioni delle case, oltre a mettere a rischio la sicurezza dei cittadini, contribuiscono a gonfiare la bolletta energetica. Secondo lo studio di Confartigianato il comparto residenziale determina il 28,8% dei consumi finali di energia. Più di quanto assorbono i trasporti su strada (27,7%) e l’industria (22,7%). La spinta a migliorare la condizione delle abitazioni arriva dai bonus fiscali per ristrutturazioni e risparmio energetico previsti dalla legge di Stabilità che prevedono detrazioni che oscillano dal 50 al 65% a seconda della tipologia di intervento (rifacimenti , sostituzione impianti, infissi). Il sistema casa artigiano trevigiano conta circa 9.500 imprese che danno lavoro a 6.500 dipendenti.