Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Pieve di Soligo, sorpreso a nascondere droga in un contatore Enel

COCAINA, IN CELLA EX DELLA "MALA DEL BRENTA"

Arrestato Roberto Mosole, 57 anni, viveva in via Meucci


PIEVE DI SOLIGO - Un passato di rapine con la "Mala del Brenta" di Felice Maniero e un arresto nel 2010 per spaccio di cocaina quando era proprietario di un bar a Spresiano (furono sequestrati all'epoca, in un blitz delle squadre mobili di Treviso e Udine, ben 10 kg di sostanza). Un curriculum criminale di tutto rispetto quello di Roberto Mosole, 57 anni, che da qualche giorno si trova nuovamente rinchiuso in carcere. Sabato scorso, a stringergli le manette ai polsi, sono stati gli agenti della squadra mobile di Treviso. Ancora una volta a tradirlo è stata la cocaina. Il 57enne, lo scorso week end, è stato fermato da alcuni poliziotti impegnati in un servizio di prevenzione per i furti in abitazione in via Meucci a Pieve di Soligo: l'uomo stava nascondendo una pezzo di cocaina di circa 20 grammi all'interno di un contatore dell'Enel di un condominio, a pochi passi dalla sua abitazione. Inizialmente gli agenti, visto il fare sospetto con cui si stava muovendo, pensavano fosse un ladro. Per Mosole inevitabili le manette: attualmente si trova rinchiuso nel carcere di Santa Bona per spaccio. Gli investigatori cercheranno ora di accertare quali potessero essere i clienti del 57enne.