Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Disposto il non doversi procedere per i due professionsiti

"CRESTA" SULLE TASSE DA PAGARE: CONTABILI PRESCRITTI

Farra di Soligo: era entrambi accusati di truffa aggravata



FARRA DI SOLIGO
- Non doversi procedere per intervenuta prescrizione. Si è chiuso in questo modo il processo a carico dei due titolari di un centro contabile di Farra di Soligo. Trascinati in tribunale da un agente di commercio di Sernaglia della Battaglia (che si era costituito parte civile chiedendo un risarcimento dei danni), i due professionisti erano chiamati a rispondere del reato di truffa aggravata dall'abuso di prestazione d'opera.

Stando a quanto sostenuto dalla Procura di Treviso, a insospettire l'agente di commercio sarebbero state alcune richieste di pagamento giunte dall'Agenzia delle Entrate. Lettere che non avrebbero avuto motivo di esistere considerato che l'uomo avrebbe sempre pagato sia l'Iva che le tasse. L'agente di commercio avrebbe così deciso di andare a controllare la documentazione relativa ai pagamenti dal 1999 al 2008 e avrebbe scoperto che le cifre pagate ai suoi contabili non corrispondevano a quelle versate al Fisco.

In otto anni i suoi due consulenti, sempre secondo la denuncia sporta contro di loro, gli avrebbero sottratto circa 21 mila euro. Nessuna grossa cifra, anzi piccole somme attorno ai dieci euro a versamento in modo da risultare praticamente “invisibili”. I due professionisti però hanno sempre respinto tutte le accuse sostenendo che non sarebbero mai state messe in atto le condotte contestate. In aula è emerso che l'ultimo pagamento “sospetto” risaliva al marzo 2008 e non al dicembre, motivo per cui ogni contestazione risultava già prescritta.