Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una lavanderia deve compilare 634 campi, il 15% in pi¨

"ANCORA TROPPA BUROCRAZIA NEGLI STUDI DI SETTORE"

La denuncia in un'analisi di Confartigianato della Marca


TREVISO - "Speravamo che la partita sugli studi di settore fosse conclusa dopo la sbandierata semplificazione annunciata dall'Agenzia delle Entrate. Invece no". Confartigianato Marca Trevigiana torna a denunciare l'eccesso di burocrazia degli studi di settore, lo strumento con cui il Fisco valuta le Renzo Sartori, presidente provinciale Confartigianatocaratteristiche e i ricavi di imprese e lavoratori autonomi.
Ad oggi sono disponibili i modelli degli studi di settore da allegare alla prossima dichiarazione dei redditi e, da un controllo a campione, non risulta alcuna semplificazione nella compilazione - conferma il presidente Renzo Sartori -. Il numero dei campi da completare, ovvero di informa-zioni richieste nel 2015 rispetto al 2014, non è diminuito. I dati devono intendersi ovviamente aggiuntivi rispetto alle informazioni già richieste per la dichiarazione dei redditi, dell’Irap e dell’Iva".
Per citare un caso, le lavanderie devono compilare 634 campi: "Anche dove sembra esserci un contenimento, così non è, dal momento che è venuta meno solo la richiesta di informazioni non funzionali alla compilazione dello studio, bensì alla sua evoluzione - continua Sartori -  Quando è andata bene i campi richiesti sono rimasti gli stessi, ma nel 92% dei casi sono aumentati tra il 2014 e il 2015, con incrementi record del 15% per le lavanderie".
Secondo l'associazione di categoria, una piccola impresa per  fornire al proprio consulente le informazioni necessarie alla compilazione del documento deve impegnare almeno una giornata di lavoro. Soprattutto perchè i dati coincidono solo in minima parte con quelli degli altri adempimenti contabili. Perlopiù, in fatti, si tratta di informazioni relative all’organizzazione ed alla modalità di funzionamento dell’impresa: dal quantitativo di materie prime impiegate al numero di ingredienti usati nelle preparazioni alimentari, dalla lunghezza degli scaffali, alle stime del valore di beni strumentali in base al prezzo d'acquisto. Non solo: "Dimenticare di indicare un transpallet o sbagliare la misurazione della lunghezza degli scaffali comporta l’inesorabile applicazione di sanzioni". 
Da tempo la Confartigianato chiede una revisione degli studi e ribadisce, ad esempio, come scostamenti anche minimi negli indici di coerenza (ovvero la presenza di anomalie nella compilazione dei documenti) facciano scattare accertamenti sull'intera attività aziendale.