Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Fermato un clandestino, operai costretti a lavorare al freddo

SIGNORESSA, BLITZ IN DUE LABORATORI CINESI

Producevano divise ospedaliere e scatole per colombe


TREVIGNANO - Divise, lenzuola e altro materiale ad uso ospedaliero in un laboratorio. Scatole di cartone per dolciumi, soprattutto colombe pasquali, in una seconda attività. Questo quanto producevano a Signoressa due ditte cinesi che sono stati ispezionate nella tarda serata di ieri dalla task force composta da direzione territoriale del lavoro, Inps, Inail, polizia e vigili del fuoco. Entrambe le attività sono state sospese alla luce di quanto scoperto dagli ispettori della direzione territoriale del lavoro che sta accertando se i committenti dei due laboratori cinesi (un'azienda di Cornuda per il materiale ospedaliero e una ditta di Montebelluna per le scatole) abbiano o meno avuto accesso agli ammortizzatori sociali per i propri dipendenti. Qualora questo fosse accertato è in arrivo nei loro confronti una stangata. Nella prima attività, quella di confezionamento di lenzuola e divise ad uso ospedaliero erano sei i lavoratori cinesi trovati al lavoro tra cui un 33enne in nero. Il titolare, un 48enne cinese, dovrà pagare una sanzione di circa 5mila euro. Controllando la ditta che fabbrica involucri in cartone per colombe pasquali di marchi peraltro arcinoti a livello nazionale gli ispettori si sono imbattuti in un clandestino: si tratta di un 38enne cinese che sarà rimpatriato nelle prossime ore e che era di recente uscito dal carcere dopo aver scontato una pena di 4 anni e 3 mesi per rapina, estorsione e minacce. Altri due gli stranieri irregolari scoperti in questa attività: si tratta di due coniugi di circa 50 anni che erano entrati nel nostro paese con visto turistico. Una loro connazionale, di 38 anni, lavorava invece “in nero” ed è già stata regolarizzata.
L'attività è stata sanzionata con una multa di 12.200 euro. Scoperte in entrambi i laboratori situazioni lavorative a dir poco precarie: operai costretti a lavorare fino a dieci ore al giorno, nessun impianto di riscaldamento attivo, dormitori improvvisati, sporcizia e in un caso perfino un pollo lasciato appeso, ad esiccare.