Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Fermato un clandestino, operai costretti a lavorare al freddo

SIGNORESSA, BLITZ IN DUE LABORATORI CINESI

Producevano divise ospedaliere e scatole per colombe


TREVIGNANO - Divise, lenzuola e altro materiale ad uso ospedaliero in un laboratorio. Scatole di cartone per dolciumi, soprattutto colombe pasquali, in una seconda attività. Questo quanto producevano a Signoressa due ditte cinesi che sono stati ispezionate nella tarda serata di ieri dalla task force composta da direzione territoriale del lavoro, Inps, Inail, polizia e vigili del fuoco. Entrambe le attività sono state sospese alla luce di quanto scoperto dagli ispettori della direzione territoriale del lavoro che sta accertando se i committenti dei due laboratori cinesi (un'azienda di Cornuda per il materiale ospedaliero e una ditta di Montebelluna per le scatole) abbiano o meno avuto accesso agli ammortizzatori sociali per i propri dipendenti. Qualora questo fosse accertato è in arrivo nei loro confronti una stangata. Nella prima attività, quella di confezionamento di lenzuola e divise ad uso ospedaliero erano sei i lavoratori cinesi trovati al lavoro tra cui un 33enne in nero. Il titolare, un 48enne cinese, dovrà pagare una sanzione di circa 5mila euro. Controllando la ditta che fabbrica involucri in cartone per colombe pasquali di marchi peraltro arcinoti a livello nazionale gli ispettori si sono imbattuti in un clandestino: si tratta di un 38enne cinese che sarà rimpatriato nelle prossime ore e che era di recente uscito dal carcere dopo aver scontato una pena di 4 anni e 3 mesi per rapina, estorsione e minacce. Altri due gli stranieri irregolari scoperti in questa attività: si tratta di due coniugi di circa 50 anni che erano entrati nel nostro paese con visto turistico. Una loro connazionale, di 38 anni, lavorava invece “in nero” ed è già stata regolarizzata.
L'attività è stata sanzionata con una multa di 12.200 euro. Scoperte in entrambi i laboratori situazioni lavorative a dir poco precarie: operai costretti a lavorare fino a dieci ore al giorno, nessun impianto di riscaldamento attivo, dormitori improvvisati, sporcizia e in un caso perfino un pollo lasciato appeso, ad esiccare.