Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/152: IN SUDAFRICA, EDO MOLINARI TRA I PROTAGONISTI

Nella tappa "australe" dell'European Tour si impone l'inglese Storm


Edoardo Molinari, Nino Bertasio e il dilettante romano Philip Geerts, sono gli azzurri impegnati nel torneo BMW South African Open dell’European Tour, combinato con il Sunshine Tour, in atto dal 12 al 15 gennaio. Il Campo di gioco è il Glendower (par 72) di City of Ekurhuleni. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/151: GLI AZZURRI ALLA QUALIFICAZIONE PER IL TOUR ASIATICO

Alle Hawaii via al Pga: nel torneo dei campioni comanda Justin Thomas


Due interessanti manifestazioni in questi giorni, alle Hawaii e in Tailandia: mentre la PGA americana dà il via al torneo riservato ai vincitori della scorsa stagione che segna anche l’inizio del Tour statunitense, gli azzurri Alessandro Tadini (piemontese) e Aron Zemmer (ventiseienne...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/150: IL BILANCIO AZZURRO DI UN ANNO SUI GREEN

Francesco Molinari ancora troppo solo e 4 nuove proette nel Tour


TREVISO - Ha ricevuto pennellate di azzurro da parte dei nostri giocatori, il mondo del professionismo nel 2016; si sono registrati ottimi risultati: di spicco, al consuntivo dell’annata, il trionfo di Francesco Molinari nel 73° Open d’Italia. Altrettanto bene si può dire per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Non è stato possibile nemmeno stabilire se sia stato doloso

INCENDIO ALLA CECCATO: CHIESTA L'ARCHIVIAZIONE

Il rogo aveva distrutto l'azienda di rifiuti il 26 settembre


CASTELFRANCO VENETO – Il rogo che ha distrutto la Ceccato Recycling il 26 settembre scorso rimarrà senza colpevoli. La Procura di Treviso ha infatti chiesto l'archiviazione del fascicolo in quanto non è stato possibile nemmeno stabilire se si sia trattato di un incendio doloso, anche se i sospetti sarebbero fondati. Le fiamme hanno distrutto ogni cosa all'interno della struttura di via Staizza a Salvarosa di Castelfranco Veneto, non permettendo agli inquirenti di trovare tracce di eventuali acceleranti o del punto d'innesco. Del caso si era occupata anche l'antimafia, visto il numero di incendi sospetti che aveva flagellato la Provincia di Treviso negli ultimi mesi. Ma ogni sforzo, almeno per questo singolo episodio, pare essere stato inutile. Quel giorno erano intervenuti otto mezzi dei vigili del fuoco che per ore avevano cercato di avere la meglio sulle fiamme. Non sapendo cosa ci fosse stoccato all'interno del magazzino della ditta, che si occupa di recupero e riciclaggio di rifiuti, il sindaco di Castelfranco Stefano Marcon aveva invitato i cittadini a chiudersi in casa e a non spostarsi se non strettamente necessario. I tecnici dell'Arpav, effettuati i dovuti rilievi, avevano in seguito stabilito che nell'aria non erano fortunatamente presenti sostanze tossiche sopra i limiti di legge per la salvaguardia della salute.