Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il pm contesta il reato di dichiarazione fraudolenta

CRAC E LEASING TRUFFA: NUOVA ACCUSA PER L'EX CDA VELO

Gli ex vertici avrebbero usufruito di sgravi fiscali non dovuti



ALTIVOLE
- Nuova accusa per l'ex cda della Velo spa. Il pm Iuri De Biasi, nel corso dell'udienza per la bancarotta della società di Altivole e il caso dei “leasing truffa”, ha mosso un'ulteriore contestazione nel procedimento penale a carico di Antonio Velo, Loretta Velo, Marco Moretti e Luca Bacchiega: riguarda uno sgravio fiscale da quasi mezzo milione di euro di cui la società non avrebbe avuto diritto. Stando alla ricostruzione della Procura, l'ex cda dell'azienda avrebbe usufruito di questi sgravi, per un totale di 470 mila euro, previsti dalla legge Tremonti ter, Ne poteva beneficiare chi investiva in macchinari per il miglioramento dell'attività aziendale. La Velo spa li avrebbe legati ai cosiddetti “leasing truffa” per l'acquisto di nuove apparecchiature che in realtà non sarebbero mai state acquistate ma soltanto fatte figurare come tali. La nuova contestazione è emersa proprio durante il dibattimento, motivo per cui il pm ha aggiunto un nuovo capo d'imputazione che riguarda il reato di dichiarazione fraudolenta. Un'accusa minore rispetto a quelle già contestate dagli inquirenti, ma che di fatto aggrava la posizione degli imputati in vista della sentenza. Per il pm infatti gli ex vertici della Velo spa avrebbero prima sopravvalutato macchinari dallo scarso valore, poi li avrebbero ceduti a società di leasing e infine riacquistati con erogazione di finanziamenti. Una tecnica che, dal 2009 al 2012, avrebbe portato alla Velo spa un guadagno netto di 5,2 milioni di euro.  Al pronunciamento del Tribunale manca però ancora molto: in aula devono infatti ancora essere sentiti due testimoni portati dalla parte civile e gli oltre venti chiamati dalle difese.