Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il pm contesta il reato di dichiarazione fraudolenta

CRAC E LEASING TRUFFA: NUOVA ACCUSA PER L'EX CDA VELO

Gli ex vertici avrebbero usufruito di sgravi fiscali non dovuti



ALTIVOLE
- Nuova accusa per l'ex cda della Velo spa. Il pm Iuri De Biasi, nel corso dell'udienza per la bancarotta della società di Altivole e il caso dei “leasing truffa”, ha mosso un'ulteriore contestazione nel procedimento penale a carico di Antonio Velo, Loretta Velo, Marco Moretti e Luca Bacchiega: riguarda uno sgravio fiscale da quasi mezzo milione di euro di cui la società non avrebbe avuto diritto. Stando alla ricostruzione della Procura, l'ex cda dell'azienda avrebbe usufruito di questi sgravi, per un totale di 470 mila euro, previsti dalla legge Tremonti ter, Ne poteva beneficiare chi investiva in macchinari per il miglioramento dell'attività aziendale. La Velo spa li avrebbe legati ai cosiddetti “leasing truffa” per l'acquisto di nuove apparecchiature che in realtà non sarebbero mai state acquistate ma soltanto fatte figurare come tali. La nuova contestazione è emersa proprio durante il dibattimento, motivo per cui il pm ha aggiunto un nuovo capo d'imputazione che riguarda il reato di dichiarazione fraudolenta. Un'accusa minore rispetto a quelle già contestate dagli inquirenti, ma che di fatto aggrava la posizione degli imputati in vista della sentenza. Per il pm infatti gli ex vertici della Velo spa avrebbero prima sopravvalutato macchinari dallo scarso valore, poi li avrebbero ceduti a società di leasing e infine riacquistati con erogazione di finanziamenti. Una tecnica che, dal 2009 al 2012, avrebbe portato alla Velo spa un guadagno netto di 5,2 milioni di euro.  Al pronunciamento del Tribunale manca però ancora molto: in aula devono infatti ancora essere sentiti due testimoni portati dalla parte civile e gli oltre venti chiamati dalle difese.