Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Piovesana: "I controlli alla frontiera ci costano il 3% in più"

ALLEANZA CON UNINDUSTRIA PER DOGANE PIÙ VELOCI

"Contratto" per intensificare la collaborazione


TREVISO - Maggiore dialogo per favorire una migliore conoscenza delle esigenze reciproche e dunque una velocizzazione delle procedure. E' l'obiettivo dell'accordo siglato tra Unindustria Treviso e la Direzione interregionale delle dogane per il Veneto e il Friuli Venezia Giulia. Non un semplice protocollo, ha spiegato Maria Cristina Piovesana, presidente dell'associazione degli industriali trevigiani, ma un “contratto sociale”.
La firma è avvenuta anche alla presenza del prefetto di Treviso, Laura Lega. Unindustria e l'ente pubblico hanno avviato una collaborazione già del 2008. Ora verrà compiuto un ulteriore passo in avanti nel confronto sugli istiuti, le prassi e gli adempimenti normativi previsti dalla normativa in materia doganale e di accise. Una migliore conoscenza delle procedure e degli strumenti, ad esempio, può consentire alle imprese di guadagnare tempo prezioso nello sdoganamento delle merci e agevolare l'opera degli uffici pubblici. Basti pensare che per l'importazione di un carico dall'estero sono coinvolti, in media, 67 enti.
Alla base un cambio culturale nel rapporto tra mondo dell'impresa e amministrazione pubblica, come ricorda Maurizio Montemagno, direttore interregionale delle Dogane.
Si tratta di un'intesa particolarmente importante per un sistema imprenditoriale come quello trevigiano, particolarmente aperto alle relazioni internazionali: nel 2015 il valore delle esportazioni dalla Marca è stimato attorno ai 12 miliardi di euro e il saldo attivo import-export è oltre i 4 miliardi. Treviso è risultata essere, nel terzo trimestre 2015, la quinta provincia in Italia per contributo positivo allo sviluppo delle esportazioni nazionali.
L'accordo si inserisce nel progetto lanciato dall'associazione degli industriali trevigiani nell'assemblea dello scorso ottobre per rilanciare la collaborazione e il dialogo con l'intera Pubblica amministrazione.
La presidente di Unindustria ha manifestato anche la preoccupazione delle aziende
trevigiane per i sempre più frequenti casi di sospensione degli accordi di Schengen sulla libera circolazione di merci e persone: il ritorno ai controlli alle frontiere, come in passato, ha spiegato Piovesana, comporterebbe un aggravio di costi per le aziende di circa il 3%.