Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Piovesana: "I controlli alla frontiera ci costano il 3% in pił"

ALLEANZA CON UNINDUSTRIA PER DOGANE PIŁ VELOCI

"Contratto" per intensificare la collaborazione


TREVISO - Maggiore dialogo per favorire una migliore conoscenza delle esigenze reciproche e dunque una velocizzazione delle procedure. E' l'obiettivo dell'accordo siglato tra Unindustria Treviso e la Direzione interregionale delle dogane per il Veneto e il Friuli Venezia Giulia. Non un semplice protocollo, ha spiegato Maria Cristina Piovesana, presidente dell'associazione degli industriali trevigiani, ma un “contratto sociale”.
La firma è avvenuta anche alla presenza del prefetto di Treviso, Laura Lega. Unindustria e l'ente pubblico hanno avviato una collaborazione già del 2008. Ora verrà compiuto un ulteriore passo in avanti nel confronto sugli istiuti, le prassi e gli adempimenti normativi previsti dalla normativa in materia doganale e di accise. Una migliore conoscenza delle procedure e degli strumenti, ad esempio, può consentire alle imprese di guadagnare tempo prezioso nello sdoganamento delle merci e agevolare l'opera degli uffici pubblici. Basti pensare che per l'importazione di un carico dall'estero sono coinvolti, in media, 67 enti.
Alla base un cambio culturale nel rapporto tra mondo dell'impresa e amministrazione pubblica, come ricorda Maurizio Montemagno, direttore interregionale delle Dogane.
Si tratta di un'intesa particolarmente importante per un sistema imprenditoriale come quello trevigiano, particolarmente aperto alle relazioni internazionali: nel 2015 il valore delle esportazioni dalla Marca è stimato attorno ai 12 miliardi di euro e il saldo attivo import-export è oltre i 4 miliardi. Treviso è risultata essere, nel terzo trimestre 2015, la quinta provincia in Italia per contributo positivo allo sviluppo delle esportazioni nazionali.
L'accordo si inserisce nel progetto lanciato dall'associazione degli industriali trevigiani nell'assemblea dello scorso ottobre per rilanciare la collaborazione e il dialogo con l'intera Pubblica amministrazione.
La presidente di Unindustria ha manifestato anche la preoccupazione delle aziende
trevigiane per i sempre più frequenti casi di sospensione degli accordi di Schengen sulla libera circolazione di merci e persone: il ritorno ai controlli alle frontiere, come in passato, ha spiegato Piovesana, comporterebbe un aggravio di costi per le aziende di circa il 3%.