Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/152: IN SUDAFRICA, EDO MOLINARI TRA I PROTAGONISTI

Nella tappa "australe" dell'European Tour si impone l'inglese Storm


Edoardo Molinari, Nino Bertasio e il dilettante romano Philip Geerts, sono gli azzurri impegnati nel torneo BMW South African Open dell’European Tour, combinato con il Sunshine Tour, in atto dal 12 al 15 gennaio. Il Campo di gioco è il Glendower (par 72) di City of Ekurhuleni. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/151: GLI AZZURRI ALLA QUALIFICAZIONE PER IL TOUR ASIATICO

Alle Hawaii via al Pga: nel torneo dei campioni comanda Justin Thomas


Due interessanti manifestazioni in questi giorni, alle Hawaii e in Tailandia: mentre la PGA americana dà il via al torneo riservato ai vincitori della scorsa stagione che segna anche l’inizio del Tour statunitense, gli azzurri Alessandro Tadini (piemontese) e Aron Zemmer (ventiseienne...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/150: IL BILANCIO AZZURRO DI UN ANNO SUI GREEN

Francesco Molinari ancora troppo solo e 4 nuove proette nel Tour


TREVISO - Ha ricevuto pennellate di azzurro da parte dei nostri giocatori, il mondo del professionismo nel 2016; si sono registrati ottimi risultati: di spicco, al consuntivo dell’annata, il trionfo di Francesco Molinari nel 73° Open d’Italia. Altrettanto bene si può dire per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Piovesana: "I controlli alla frontiera ci costano il 3% in pił"

ALLEANZA CON UNINDUSTRIA PER DOGANE PIŁ VELOCI

"Contratto" per intensificare la collaborazione


TREVISO - Maggiore dialogo per favorire una migliore conoscenza delle esigenze reciproche e dunque una velocizzazione delle procedure. E' l'obiettivo dell'accordo siglato tra Unindustria Treviso e la Direzione interregionale delle dogane per il Veneto e il Friuli Venezia Giulia. Non un semplice protocollo, ha spiegato Maria Cristina Piovesana, presidente dell'associazione degli industriali trevigiani, ma un “contratto sociale”.
La firma è avvenuta anche alla presenza del prefetto di Treviso, Laura Lega. Unindustria e l'ente pubblico hanno avviato una collaborazione già del 2008. Ora verrà compiuto un ulteriore passo in avanti nel confronto sugli istiuti, le prassi e gli adempimenti normativi previsti dalla normativa in materia doganale e di accise. Una migliore conoscenza delle procedure e degli strumenti, ad esempio, può consentire alle imprese di guadagnare tempo prezioso nello sdoganamento delle merci e agevolare l'opera degli uffici pubblici. Basti pensare che per l'importazione di un carico dall'estero sono coinvolti, in media, 67 enti.
Alla base un cambio culturale nel rapporto tra mondo dell'impresa e amministrazione pubblica, come ricorda Maurizio Montemagno, direttore interregionale delle Dogane.
Si tratta di un'intesa particolarmente importante per un sistema imprenditoriale come quello trevigiano, particolarmente aperto alle relazioni internazionali: nel 2015 il valore delle esportazioni dalla Marca è stimato attorno ai 12 miliardi di euro e il saldo attivo import-export è oltre i 4 miliardi. Treviso è risultata essere, nel terzo trimestre 2015, la quinta provincia in Italia per contributo positivo allo sviluppo delle esportazioni nazionali.
L'accordo si inserisce nel progetto lanciato dall'associazione degli industriali trevigiani nell'assemblea dello scorso ottobre per rilanciare la collaborazione e il dialogo con l'intera Pubblica amministrazione.
La presidente di Unindustria ha manifestato anche la preoccupazione delle aziende
trevigiane per i sempre più frequenti casi di sospensione degli accordi di Schengen sulla libera circolazione di merci e persone: il ritorno ai controlli alle frontiere, come in passato, ha spiegato Piovesana, comporterebbe un aggravio di costi per le aziende di circa il 3%.