Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Celebrazione con il Vescovo Gianfranco Agostino Gardin

DOMANI A TREVISO IL GIUBILEO DEGLI SCOUT

Presenti i capi Agesci e Fse oltre ai soci adulti del Masci


TREVISO - Un grande fazzolettone colorato che abbraccia il duomo di Treviso. E’ l’immagine scelta dagli scout trevigiani per il loro giubileo. Venerdì 19 febbraio 2016, infatti, i capi scout Agesci e Fse presenti in Diocesi di Treviso, assieme ai soci adulti del Masci e i giovani dei clan/fuoco prossimi alla partenza, si ritroveranno per celebrare tre importanti appuntamenti che li riguardano: il Giubileo degli scout, il Thinking Day e il ricordo del Centenario della fondazione dello Scautismo cattolico in Italia. Il Thinking day, o giornata del ricordo, è una celebrazione tipicamente scout. Il 22 febbraio di ogni anno, o la data più vicina ad esso, gli scout e le guide di tutto il mondo ricordano la data di nascita del loro fondatore, sir Baden Powell, e di sua moglie, lady Olave. La festa è stata istituita nel 1936 ed ha lo scopo di continuare a far sentire fratelli e sorelle tutti gli scout del mondo, nonché di ricordare la figura del fondatore, che con la sua lungimiranza e passione educativa ha saputo creare uno dei movimenti giovanili più diffusi e partecipati al mondo.
Quest’anno gli scout sono chiamati a ricordare un’altra grande ricorrenza: il Centenario dello scautismo cattolico in Italia. Nel 1916, infatti, l’Asci (Associazione scout cattolici italiani) venne riconosciuta dalla Santa Sede come associazione educativa cattolica ispirata alla pedagogia e al metodo di Baden Powell, arrivato in Italia già nel 1907.
Ma quest’anno l’appuntamento della giornata del ricordo prende la forma del tutto particolare del Giubileo. Convocati dal vescovo Gianfranco Agostino Gardin, gli scout sono invitati a celebrare un momento significativo della loro fede cristiana, con il passaggio della Porta Santa della misericordia in Cattedrale.
Il ritrovo è alle 20.15 nel campo sportivo del Seminario dove ci sarà il “quadrato” di inizio della serata. Seguirà poi il cammino fino alla Cattedrale, fatto in silenzio e in preghiera, con il passaggio per la porta Santa, dove ad accogliere gli scout ci sarà il Vescovo. Il momento di preghiera continuerà con un esame di coscienza proposto da mons. Gardin e con la possibilità di accostarsi al sacramento della Riconciliazione. Alle 22.45 il rendimento di lode e la partenza.
Anche quest’anno, in occasione del Thinking Day verrà raccolta l’offerta del penny per sostenere lo sviluppo del movimento scout nel mondo.
Fse (distretti Est ed Ovest), Agesci (Zone di Treviso, Scorzè e Castelfranco) e Masci sono una presenza educativa significativa nel territorio. Sono ormai diversi anni che le tre associazioni scoutistiche cattoliche presenti in Diocesi si ritrovano in occasione del Thinking Day per ricordare che, al di là del diverso nome, i valori scoutistici e soprattutto cristiani che vivono sono gli stessi.