Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni promuove un incontro tra i soci in un Campo da Golf, con l’intento di far chiarezza su qualcosa di particolare emerso nella stagione. Puntualizzare,e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/144: A DUBAI IL DP WORLD TOUR CHAMPIONSHIP

Vince l'inglese Fitspatrick, ad Henrik Stenson la Race to Dubai


DUBAI - Avevamo lasciato i nostri azzurri sull’European Tour al termine del Turkish Airlines Open, con la speranza che Manassero e Paratore conquistassero in Sud Africa la carta per giocare a Dubai. Paratore ce l’ha fatta, e son contento. Manassero no, e mi dispiace. Restano quindi a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Conegliano, il dato dell'Ulss7, Valerio: "Vantaggi per il paziente"

NEL 2015 DIAGNOSTICATI 130 NUOVI CASI DI TUMORE ALLA PROSTATA

Prostate unit per una presa in carico globale del paziente


CONEGLIANO - Il tumore della prostata è ormai divenuto il tumore più frequente nel sesso maschile: stando ai dati più recenti, nel corso della propria vita 1 uomo su 16 nel nostro Paese sviluppa un tumore della prostata. L'incidenza, cioè il numero di nuovi casi registrati in un dato periodo di tempo, è in continua crescita, con un raddoppio negli ultimi 10 anni, dovuto sia all'aumento dell'età media della popolazione sia all'introduzione dell'esame del Psa. Nell’Ulss 7 nel 2015 ci sono stati 130 nuovi casi diagnosticati, distribuiti in modo omogeneo su tutto il territorio. Il tumore della prostata è, per fortuna, uno tra i tumori più curabili, soprattutto se si interviene in tempo. Lo dimostrano i dati relativi al numero di persone in vita a cinque anni dalla diagnosi - in media oltre il 70% - percentuale tra le più elevate tra i tumori, soprattutto se si tiene conto dell'età avanzata dei pazienti e quindi delle altre possibili cause di morte.
“Per migliorare le modalità della presa in carico dei pazienti con tumore della prostata, sospetto o già diagnosticato - sottolinea il Commissario, Francesco Benazzi - l’Ulss 7 ha attivato una struttura dedicata, simile a quella già operativa per le donne affette da tumore al seno: la Prostate Unit, che seguirà il paziente nel corso dell’intero iter necessario sia per la diagnosi precoce, sia, qualora il tumore sia già stato diagnosticato, durante l’intero percorso terapeutico con successivo follow-up. All’interno della Prostate Unit i pazienti vengono valutati da specialisti che lavorano nell’ambito di un team multidisciplinare, composto da urologi, oncologi, infermieri, anatomopatologi, fisiatri, fisioterapisti, radiologi: la presenza di specialisti di diverse discipline permette di attuare una presa in carico “globale” del paziente, migliorando la qualità della cura e dell’assistenza”.
“I vantaggi della presa in carico globale - precisa il primario dell’Unità Operativa di Urologia, Salvatore Valerio - sono numerosi per il paziente: si va dalla riduzione dei tempi di attesa ad una maggiore facilità nel completare l’intero l’iter diagnostico-terapeutico presso la stessa struttura. Una volta eseguita la visita iniziale sono gli operatori, infatti, a farsi carico di tutte le incombenze relative a prenotazioni di visite ed esami, programmazione dei percorsi e degli eventuali ricoveri.
La Prostate Unit consente inoltre agli specialisti di migliorare le scelte diagnostiche e terapeutiche, riducendo le procedure non idonee o poco utili per il paziente e migliorando l'efficacia e l’appropriatezza dei trattamenti. Ultimo ma non meno importante – conclude Valerio - una struttura superspecialistica come la Prostate Unit può portare a una riduzione delle complicanze e degli eventi avversi collegati al tumore della prostata”.