Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Conegliano, il dato dell'Ulss7, Valerio: "Vantaggi per il paziente"

NEL 2015 DIAGNOSTICATI 130 NUOVI CASI DI TUMORE ALLA PROSTATA

Prostate unit per una presa in carico globale del paziente


CONEGLIANO - Il tumore della prostata è ormai divenuto il tumore più frequente nel sesso maschile: stando ai dati più recenti, nel corso della propria vita 1 uomo su 16 nel nostro Paese sviluppa un tumore della prostata. L'incidenza, cioè il numero di nuovi casi registrati in un dato periodo di tempo, è in continua crescita, con un raddoppio negli ultimi 10 anni, dovuto sia all'aumento dell'età media della popolazione sia all'introduzione dell'esame del Psa. Nell’Ulss 7 nel 2015 ci sono stati 130 nuovi casi diagnosticati, distribuiti in modo omogeneo su tutto il territorio. Il tumore della prostata è, per fortuna, uno tra i tumori più curabili, soprattutto se si interviene in tempo. Lo dimostrano i dati relativi al numero di persone in vita a cinque anni dalla diagnosi - in media oltre il 70% - percentuale tra le più elevate tra i tumori, soprattutto se si tiene conto dell'età avanzata dei pazienti e quindi delle altre possibili cause di morte.
“Per migliorare le modalità della presa in carico dei pazienti con tumore della prostata, sospetto o già diagnosticato - sottolinea il Commissario, Francesco Benazzi - l’Ulss 7 ha attivato una struttura dedicata, simile a quella già operativa per le donne affette da tumore al seno: la Prostate Unit, che seguirà il paziente nel corso dell’intero iter necessario sia per la diagnosi precoce, sia, qualora il tumore sia già stato diagnosticato, durante l’intero percorso terapeutico con successivo follow-up. All’interno della Prostate Unit i pazienti vengono valutati da specialisti che lavorano nell’ambito di un team multidisciplinare, composto da urologi, oncologi, infermieri, anatomopatologi, fisiatri, fisioterapisti, radiologi: la presenza di specialisti di diverse discipline permette di attuare una presa in carico “globale” del paziente, migliorando la qualità della cura e dell’assistenza”.
“I vantaggi della presa in carico globale - precisa il primario dell’Unità Operativa di Urologia, Salvatore Valerio - sono numerosi per il paziente: si va dalla riduzione dei tempi di attesa ad una maggiore facilità nel completare l’intero l’iter diagnostico-terapeutico presso la stessa struttura. Una volta eseguita la visita iniziale sono gli operatori, infatti, a farsi carico di tutte le incombenze relative a prenotazioni di visite ed esami, programmazione dei percorsi e degli eventuali ricoveri.
La Prostate Unit consente inoltre agli specialisti di migliorare le scelte diagnostiche e terapeutiche, riducendo le procedure non idonee o poco utili per il paziente e migliorando l'efficacia e l’appropriatezza dei trattamenti. Ultimo ma non meno importante – conclude Valerio - una struttura superspecialistica come la Prostate Unit può portare a una riduzione delle complicanze e degli eventi avversi collegati al tumore della prostata”.