Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tre romene e una bulgara non avevano rispettato il foglio di via

CONTROLLI ANTIPROSTITUZIONE: QUATTRO LUCCIOLE DENUNCIATE

Operazione dei carabineri di Treviso: multati anche i clienti


TREVISO – Quattro lucciole denunciate e diverse migliaia di euro di sanzioni elevate. E' il bilancio dell'attività dei carabinieri di Treviso che giovedì notte hanno controllato le strade del sesso della Marca per combattere il fenomoeno della prostituzione. Nei comuni di Mogliano Veneto, Preganziol, Spresiano e Villorba i militari hanno controllato decine di lucciole, per la maggior parte dell'Est europeo, scoprendo che quattro di loro (tre romene e una bulgara tra i 26 e i 29 anni) vendevano il loro corpo sulla strada nonostante fossero destinatarie di un foglio di via emesso dalla questura di Treviso. Motivo per cui sono state denunciate a piede libero. Avendo violato le ordinanze comunali, molte lucciole sono state anche multate per la loro attività di adescamento e i clienti per essersi fermati a contrattare la prestazione sessuale.