Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/151: GLI AZZURRI ALLA QUALIFICAZIONE PER IL TOUR ASIATICO

Alle Hawaii via al Pga: nel torneo dei campioni comanda Justin Thomas


Due interessanti manifestazioni in questi giorni, alle Hawaii e in Tailandia: mentre la PGA americana dà il via al torneo riservato ai vincitori della scorsa stagione che segna anche l’inizio del Tour statunitense, gli azzurri Alessandro Tadini (piemontese) e Aron Zemmer (ventiseienne...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/150: IL BILANCIO AZZURRO DI UN ANNO SUI GREEN

Francesco Molinari ancora troppo solo e 4 nuove proette nel Tour


TREVISO - Ha ricevuto pennellate di azzurro da parte dei nostri giocatori, il mondo del professionismo nel 2016; si sono registrati ottimi risultati: di spicco, al consuntivo dell’annata, il trionfo di Francesco Molinari nel 73° Open d’Italia. Altrettanto bene si può dire per...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/14: GOLF CLUB CARIMATE

In Brianza un percorso piacevole, ad ogni buca il nome di una pianta


CARIMATE - Siamo in Brianza, una terra che si differenzia in numerosi tratti dal resto della Lombardia, per la natura geografica, demografica, economica, e linguistica, e non fa riferimento a un ente territoriale. I suoi comuni hanno attinenza a quattro differenti province: Milano, Monza, Como e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tre romene e una bulgara non avevano rispettato il foglio di via

CONTROLLI ANTIPROSTITUZIONE: QUATTRO LUCCIOLE DENUNCIATE

Operazione dei carabineri di Treviso: multati anche i clienti


TREVISO – Quattro lucciole denunciate e diverse migliaia di euro di sanzioni elevate. E' il bilancio dell'attività dei carabinieri di Treviso che giovedì notte hanno controllato le strade del sesso della Marca per combattere il fenomoeno della prostituzione. Nei comuni di Mogliano Veneto, Preganziol, Spresiano e Villorba i militari hanno controllato decine di lucciole, per la maggior parte dell'Est europeo, scoprendo che quattro di loro (tre romene e una bulgara tra i 26 e i 29 anni) vendevano il loro corpo sulla strada nonostante fossero destinatarie di un foglio di via emesso dalla questura di Treviso. Motivo per cui sono state denunciate a piede libero. Avendo violato le ordinanze comunali, molte lucciole sono state anche multate per la loro attività di adescamento e i clienti per essersi fermati a contrattare la prestazione sessuale.