Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 Č DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Romeno tenta di rientrare in Italia, era stato espulso

PALLOTTOLE IN VALIGIA, CACCIATORI DENUNCIATI

Controlli della polaria, raffica di arresti per documenti falsi


TREVISO - E' atterrato venerdì all'aeroporto "Canova" di Treviso, alle 7 del mattino, proveniente da Cluj Napoca: dopo il controllo dei documenti è scattata l'immediata esplusione. Il viaggiatore, un romeno di 29 anni, Daniel Lacatus, era infatti stato allontanato dal territorio italiano quattro anni fa, su ordine del Prefetto di Roma: lo straniero era stato arrestato per violenza sessuale, rapina e lesioni personali. Il 29enne è stato reimbarcato e riportato in Romania con il volo delle 13.30. E' solo l'ultima operazione svolta dalla polizia aeroportuale del "Canova" che nel 2015 ha avuto un aumento esponenziale di passeggeri, raggiungendo quota 2milioni 378mila.
La cifra nel 2014 si era attestata a 2 milioni 243mila viaggiatori. La principale attività della polizia di frontiera ha riguardato stranieri sorpresi con documenti falsi. Gli ultimi in ordine di tempo sono stati tre cittadini albanesi di 28, 21 e 19 anni che sono finiti in manette perchè avevano presentato all'imbarco carte d'identità italiane e greche che erano chiaramente false: erano diretti verso la Gran Bretagna. Complessivamente la polaria ha, nel corso del 2015, messo a segno 31 arresti, 24 denuncem 12 espulsioni e 19 respingimenti. Tra i viaggiatori finiti nei guai ci sono però anche alcuni italiani: è il caso di due cacciatori trevigiani che tenevano nel bagaglio alcune cartucce per fucile da caccia. Entrambi si sono giustificati sostenendo che si trattasse di una dimenticanza ma per le "doppiette" è scattata una denuncia. Stessa sorte anche per due studenti camerunensi dell'Università di Padova che alcuni giorni fa sono stati denunciati per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale: gli stranieri erano nell'aerostazione per accompagnare una connazionale che era diretta in Germania ma disturbavano gli altri passeggeri con i loro schiamazzi.