Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

A Treviso, seminario Coni- Bnl sul post carriera degli sportivi

LA GARA PIÙ DURA: IL FUTURO DOPO IL RITIRO

L'esperienza degli ex atleti Alessandro Farina e Fabio Ongaro


TREVISO - Prepararsi per tempo al proprio futuro dopo aver appeso le scarpette al chiodo e cercare di lasciare all'apice, prima del lento, inevitabile declino. E' il consiglio di Alessandro Farina e Fabio Ongaro, professionisti ed azzurri rispettivamente di pallavolo e rugby fino a pochi anni fa ed oggi imprenditori. I due ex atleti, a lungo a Treviso con Sisley e Benetton, sono stati tra i protagonisti del seminario in Ghirada dedicato proprio al post carriera agonistica degli sportivi. L'appuntamento trevigiano fa parte di EduCare Sport, un ciclo di cinque incontri (il primo già tenuto a Milano, i prossimi a Bologna, Formia e Roma), promosso dal Coni e da Bnl - Bnp Paribas, con l'obiettivo di aiutare gli atleti a compiere scelte consapevoli per la loro "seconda vita".
Oltre 70 i partecipanti, tra sportivi di alto livello (ma non solo) ed in attività, compresi alcuni giocatori del Benetto Rugby. Dopo l'introduzione di Antonio Schiavo, direttore territoriale retail e private Nord Est di Bnl e di Gianfranco Bardelle, presidente regionale del Coni, l'incontro, moderato da Marisa Muzio, psicologa dello sport, dopo essere stata a sua volta nazionale di nuoto, ha voluto informare e formare i partecipanti su argomenti economico-finanziari (come risparmio, investimenti, finanziamenti) e approfondire aspetti legati alla sostenibilità di un progetto d’impresa. Il percorso punta, inoltre, a valorizzare i profili professionali degli sportivi, a motivarli ed “allenarli” per le sfide future.
Reinventarsi dopo il ritiro, giunti a 35- 40 anni, spesso dopo essersi concentrati fin da ragazzi su allenamenti e gare, alle volte dovendo anche sacrificare gli studi, è un passaggio delicato, che in certi casi rischia di essere traumatico. Con il dilemma, per molti, se cercare di rimanere nell'ambiente, come tecnico o dirigente, oppure cambiare completamente settore. E il caso Totti, scoppiato proprio in questi giorni, dimostra come il tema dello stop alla carriera sportiva sia quantomai di attualità.


Nel link, le interviste ad Alessandro Farina e Fabio Ongaro, andate in onda nel corso di Buongiorno Veneto Uno.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
20/02/2016 - Cosa fare giù dal podio: la seconda vita degli atleti