Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Condannato a sei mesi di reclusione un 30enne di Pordenone

FINTO PROFILO SU FACEBOOK CON LE FOTO HARD DELLA EX

Diffamata online e molestata una coetanea vittoriese



VITTORIO VENETO
– Viene lasciato dalla fidanzata e per vendicarsi, non accettando la rottura di quel rapporto, apre un profilo Facebook fasullo col nome e cognome della ex e posta le foto hard scattate nei momenti di intimità trascorsi con lei. Una condotta che è costata una condanna a sei mesi di reclusione, pena sospesa, a un 30enne di Pordenone. La vittima, che non si è costituita parte civile e che ha rifiutato una proposta di risarcimento danni avanzata dall'imputato, è una coetanea di Vittorio Veneto il cui unico scopo era quello di veder condannato l'ex fidanzato che aveva conosciuto all'università e con cui aveva avuto una storia di oltre due anni.