Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Luisa Rossetto vince la propria battaglia: 13 mila euro di danni

"TESTIMONE INSUFFLATO": CONDANNATO L'AVV. FORZA

Nel corso del processo Moreira, il legale diffamò la commerciante



ODERZO
– Tredicimila euro di risarcimento danni comprese le spese legali e invio degli atti al pm per perseguire per falsa testimonianza un testimone portato dalla difesa. E' la sentenza emessa nei confronti dell'avvocato Antonio Forza, trascinato in tribunale per diffamazione aggravata a mezzo stampa da Luisa Rossetto, una commerciante opitergina assistita dall'avvocato Piergiorgio Sovernigo. La vicenda è nata nel corso del processo a carico di Simone Moreira, la 24enne brasiliana condannata a 2 anni di reclusione per omicidio colposo per la morte della figlia Giuliana Favaro, la bambina di due anni annegata nelle acque del Monticano a Oderzo il 2 settembre 2009. L'avvocato Forza difendeva proprio la brasiliana, e Luisa Rossetto era una testimone. Dopo la sua deposizione in aula (era il 5 ottobre 2010), la donna si sentì diffamata da una frase pronunciata dall'avvocato Forza ai microfoni dei giornalisti: “Non fatemi dire quello che penso di qualcuno che va a insufflare i testimoni, di cui ho la prova peraltro”.