Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Luisa Rossetto vince la propria battaglia: 13 mila euro di danni

"TESTIMONE INSUFFLATO": CONDANNATO L'AVV. FORZA

Nel corso del processo Moreira, il legale diffamò la commerciante



ODERZO
– Tredicimila euro di risarcimento danni comprese le spese legali e invio degli atti al pm per perseguire per falsa testimonianza un testimone portato dalla difesa. E' la sentenza emessa nei confronti dell'avvocato Antonio Forza, trascinato in tribunale per diffamazione aggravata a mezzo stampa da Luisa Rossetto, una commerciante opitergina assistita dall'avvocato Piergiorgio Sovernigo. La vicenda è nata nel corso del processo a carico di Simone Moreira, la 24enne brasiliana condannata a 2 anni di reclusione per omicidio colposo per la morte della figlia Giuliana Favaro, la bambina di due anni annegata nelle acque del Monticano a Oderzo il 2 settembre 2009. L'avvocato Forza difendeva proprio la brasiliana, e Luisa Rossetto era una testimone. Dopo la sua deposizione in aula (era il 5 ottobre 2010), la donna si sentì diffamata da una frase pronunciata dall'avvocato Forza ai microfoni dei giornalisti: “Non fatemi dire quello che penso di qualcuno che va a insufflare i testimoni, di cui ho la prova peraltro”.