Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un anno e sei mesi di reclusione per il 46enne Arjan Hoxha

TENTA DI CORROMPERE UN SECONDINO: CONDANNATO

Voleva pagare per pter avere dieci grammi di hashish



TREVISO
- Offre denaro a un agente scelto di polizia penitenziaria per avere dieci grammi di hashish da fumare in cella. Un gesto che è costato ad Arjan Hoxha, 46enne trevigiano di origini albanesi, una condannana un anno e sei mesi di reclusione per il reato di istigazione alla corruzione. I fatti risalgono al 23 aprile del 2012. Il 46enne si trovava detenuto per altra causa nel carcere di Santa Bona in regime di custodia cautelare. Non riuscendo più a sopportare di rimanere dietro le sbarre, l'imputato aveva cercato il modo per alleviare la sua permanenza nella casa circondariale credendo di poter reggere meglio fumandosi uno spinello ogni tanto. Da lì la richiesta avanzata al secondino: “Ti pago se mi lasci telefonare a una persona e mi lasci portare in carcere dieci grammi di hashish”. Netto il rifiuto da parte dell'agente che ha denunciato il fatto facendo scattare l'inchiesta.