Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un anno e sei mesi di reclusione per il 46enne Arjan Hoxha

TENTA DI CORROMPERE UN SECONDINO: CONDANNATO

Voleva pagare per pter avere dieci grammi di hashish



TREVISO
- Offre denaro a un agente scelto di polizia penitenziaria per avere dieci grammi di hashish da fumare in cella. Un gesto che è costato ad Arjan Hoxha, 46enne trevigiano di origini albanesi, una condannana un anno e sei mesi di reclusione per il reato di istigazione alla corruzione. I fatti risalgono al 23 aprile del 2012. Il 46enne si trovava detenuto per altra causa nel carcere di Santa Bona in regime di custodia cautelare. Non riuscendo più a sopportare di rimanere dietro le sbarre, l'imputato aveva cercato il modo per alleviare la sua permanenza nella casa circondariale credendo di poter reggere meglio fumandosi uno spinello ogni tanto. Da lì la richiesta avanzata al secondino: “Ti pago se mi lasci telefonare a una persona e mi lasci portare in carcere dieci grammi di hashish”. Netto il rifiuto da parte dell'agente che ha denunciato il fatto facendo scattare l'inchiesta.