Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nicolò Corso e Vincenzo Zanato rimangono in carcere

BANCAROTTE IN SERIE: CONFERMATE LE MISURE CAUTELARI

Confermati i domiciliari per quattro degli altri 16 indagati



CONEGLIANO
- Il gip Silvio Maras ha sciolto la riserva e ha rigettato tutte le richieste di revoca della misura di custodia cautelare presentate da quella che è stata ribattezzata dagli inquirenti la “cricca delle bancarotte”. Vincenzo Zanato e Nicolò Corso rimangono dunque rinchiusi nel carcere di Santa Bona, mentre Mario Buso, Teresa Calamia, Mario Pietrangelo e Benedetta Collerone Russo restano invece ristretti agli arresti domiciliari. Tutti presenteranno comunque ricorso al tribunale del riesame. Stando a quanto sostenuto dalla Procura di Treviso, Nicolò Corso, commercialista di San Vendemiano, sarebbe il vertice dell'organizzazione. Vincenzo Zanato in alcune circostanze avrebbe invece ricoperto invece il ruolo di prestanome. La lista di aziende che l'organizzazione avrebbe condotto al crac nel corso del 2014 comprende per ora la “Inox film” e la “Alufilm” di Salgareda, “Vetreria veneta” e “La Food group” di Conegliano, la “Power srl” e la “Off interni” di Pieve di Soligo, la “Off interni” di Maserada.