Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Convegno sul tema della Camera di commercio italo-tedesca

IN VENETO BUSINESS IN CRESCITA CON LA GERMANIA

Occorre però più preparazione e approccio più rigoroso


TREVISO - Sempre più imprese trevigiane realizzano componenti per l'industria tedesca, ad esempio dell'automobile: nello stampaggio di materie plastiche, nella meccatronica, nei macchinari. Il Veneto rappresenta il 15% dell'interscambio commerciale tra Italia e Germania, la seconda quota più elevata dopo la Lombardia. E Treviso è tra le provincie in cui il valore degli scambi è maggiore insieme a Vicenza e Padova. La conferma arriva da un convegno organizzato dalla Camera di commercio italo-tedesca, la principale organizzazione bilaterale del comparto, con oltre 600 soci. L'appuntamento, che ha riunito più di 150 imprenditori, era dedicato alle prospettive e agli strumenti a sostegno delle pmi per allargare il loro giro d'affari in Germania.
Secondo Paola Nardini, avvocato e rappresentante dell'ente camerale per Venezia, Treviso, Belluno e Pordenone, però, troppo spesso gli imprenditori locali vanno allo sbaraglio, provando a inserirsi sul mercato teutonico senza adeguata preparazione: ad esempio su normative e regole degli appalti. Mancanza non secondaria in un mercato molto strutturato come quello al di là delle Alpi. Un freno, poi, è rappresentato dalla scarsa efficienza della pubblica amministrazione e dal sistema paese italiano. Secondo Renato Moretto, imprenditore padovano e relatore del convegno, però, il primo cambiamento necessario riguarda l'approcio al business: "La prima regola è mantenere le promesse - spiega -, poi occorre più puntualità e precisione e parlare meno ed ascoltare di più".