Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Convegno sul tema della Camera di commercio italo-tedesca

IN VENETO BUSINESS IN CRESCITA CON LA GERMANIA

Occorre però più preparazione e approccio più rigoroso


TREVISO - Sempre più imprese trevigiane realizzano componenti per l'industria tedesca, ad esempio dell'automobile: nello stampaggio di materie plastiche, nella meccatronica, nei macchinari. Il Veneto rappresenta il 15% dell'interscambio commerciale tra Italia e Germania, la seconda quota più elevata dopo la Lombardia. E Treviso è tra le provincie in cui il valore degli scambi è maggiore insieme a Vicenza e Padova. La conferma arriva da un convegno organizzato dalla Camera di commercio italo-tedesca, la principale organizzazione bilaterale del comparto, con oltre 600 soci. L'appuntamento, che ha riunito più di 150 imprenditori, era dedicato alle prospettive e agli strumenti a sostegno delle pmi per allargare il loro giro d'affari in Germania.
Secondo Paola Nardini, avvocato e rappresentante dell'ente camerale per Venezia, Treviso, Belluno e Pordenone, però, troppo spesso gli imprenditori locali vanno allo sbaraglio, provando a inserirsi sul mercato teutonico senza adeguata preparazione: ad esempio su normative e regole degli appalti. Mancanza non secondaria in un mercato molto strutturato come quello al di là delle Alpi. Un freno, poi, è rappresentato dalla scarsa efficienza della pubblica amministrazione e dal sistema paese italiano. Secondo Renato Moretto, imprenditore padovano e relatore del convegno, però, il primo cambiamento necessario riguarda l'approcio al business: "La prima regola è mantenere le promesse - spiega -, poi occorre più puntualità e precisione e parlare meno ed ascoltare di più".