Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il sindacato: "Nessuna situazione di nero diffuso o di sfruttamento"

NELL'AGRICOLTURA DI MARCA IMMIGRATI, MA REGOLARI

L'80% dei lavoratori agricoli è di origine straniera


TREVISO - Quasi l'80% dei lavoratori dell'agricoltura e dell'agro-alimentare trevigiano sono di origine straniera. Non si registrano tuttavia situazione di lavoro nero diffuso o, peggio, di caporalato o sfruttamento come avviene in altre regioni. A dirlo è Andrea Zanin, trevigiano, segretario regionale del sindacato di categoria Fai Cisl, in precedenza a lungo responsabile dell'organizzazione provinciale. "Dal nostro osservatorio non vediamo situazioni di questo tipo. Certo, in un settore vasto e parcellizzato come questo, ci possono essere delle irregolarità, ma si tratta di casi singoli e limitati, non rappresentativi del comparto".
A contribuire alla sostanziale regolarità dell'occupazione nel settore, secondo il sindacalista, sono le ampie possibilità di flessibilità fornite alle aziende da strumenti normativi come i contratti stagionali e i voucher (questi ultimi pure non esenti da critiche secondo la Fai). Per le imprese, dunque, risulta poco conveniente rischiare le pesanti sanzioni conseguenti ai controlli.
I lavoratori immigrati vengono soprattutto dall'Europa Orientale o dall'Africa sub sahariana, in misura decisamente minore dai paesi dell'Nord Africa. Con, in più, alcune specializzazioni etniche: ad esempio, nelle fungaie - segmento significativo nel primario trevigiano - sono occupati moltissimi cinesi, apprezzati per l'abilità manuale richiesta per questa mansione.
“Lo sfruttamento degli irregolari, le forme di caporalato in agricoltura e l’illegalità non sono fenomeni relegati alle coltivazioni di pomodori della Puglia e della Campania, avvengono nel campo vicino a casa. La situazione che da tempo come parti sindacali denunciamo è drammatica e oggi emerge dai fatti di cronaca con tutta la sua violenza e la sua disperazione”. Così Giacomo Vendrame, segretario generale CGIL di Treviso, esprime indignazione e preoccupazione.
“Non possiamo far finta di nulla e non possiamo chiudere le porte dei nostri Municipi ai richiedenti asilo per poi sfruttarli nella clandestinità e nel lavoro irregolare in aziende, laboratori e campi del nostro territorio - dice Giacomo Vendrame -. Ci vuole coerenza, ci vogliono rispetto delle regole e cultura della solidarietà e della legalità. Dove sono quei Sindaci che non accolgono quando avvengono questi gravi fatti sotto le loro finestre - si domanda Vendrame - non servono la politica della pancia, ma l’etica pubblica e l’umanità”.
“Principi fondamentali che dovrebbero essere applicati anche dalle nostre aziende - aggiunge Vendrame - che continuano a chiedere la compressione del costo del lavoro e ulteriori strumenti di flessibilità, che comunque oggi non mancano, per poi cadere nelle logiche dello sfruttamento del lavoro irregolare. Non tutte sono così - sottolinea Vendrame - ma proprio per tutelare chi lavora e produce nella legalità è necessario intensificare i controlli, scovare e severamente condannare gli sfruttatori”.
“Per vincere tutte le sfide di oggi, da qui deve ripartire il nostro territorio - conclude Vendrame - dalla cultura della legalità, dell’accoglienza e del lavoro regolare, di qualità, tutelato e giustamente retribuito”.