Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Cassazione rigetta il ricorso presentato da Andrea Loro

TENTÒ DI UCCIDERE LA MOGLIE: CONFERMATI I 13 ANNI

Dovrà versare 80 mila euro alla vittima come provvisionale



LORIA
– Andrea Loro dovrà scontare 13 anni di carcere. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione che ha rigettato il ricorso presentato dalla difesa del 36enne di Loria facendo passare in giudicato la sentenza. L'uomo era accusato di aver tentato di uccidere la moglie, la 33enne Matilde Ardia, prima strangolandola e poi, simulando un incidente stradale, dando fuoco all'auto con la consorte all'interno. In primo grado era stato condannato a 15 anni di reclusione ma la Corte d'Appello di Venezia aveva fatto cadere l'aggravante della premeditazione riducendo la pena a 13 anni e al pagamento di 80 mila euro di provvisionale alla vittima.