Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ha tentato di incassare 640mila euro con assegni "sospetti"

RICICLAGGIO, TREVIGIANO ARRESTATO IN ALBANIA

In cella un 56enne originario di Ponte di Piave


TIRANA - Un trevigiano di 56 anni è stato arrestato dalle autorità giudiziarie albanesi perché sospettato di riciclaggio di denaro, mentre nei suoi conti in Albania sono stati sequestrati 450 mila euro. L'uomo si è presentato presso un istituto albanese di credito per incassare degli assegni rilasciati da una banca di San Marino, per un ammontare di 640 mila euro, ritirando poi in contante ingenti somme, il che ha sollevato sospetti. Il 56enne aveva fatto vedere all'istituto di credito albanese un documento rilasciato dalla banca di San Marino dove risulterebbe aver avuto fino al mese di aprile 2014 un deposito bancario di oltre 700 mila euro. Gli investigatori albanesi ritengono gli assegni siano truccati, come del resto anche due fatture da lui presentate per giustificare le somme ritirate in banca. L'uomo avrebbe sostenuto di voler investire in Albania, dove secondo le sue affermazioni, aveva contatti con delle società alle quali forniva materiali per le cliniche stomatologiche «senza poter dimostrare nessun progetto di investimento», hanno spiegato gli inquirenti. Secondo le autorità giudiziarie albanesi, risulterebbe essere con precedenti in Italia, dove sarebbe stato processato in passato quale membro di un'organizzazione accusata di truffe finanziarie.