Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Giudicato colpevole di un'evasione fiscale da quasi 17 milioni

PRIMA CONDANNA PER LUIGI COMPIANO: UN ANNO E MEZZO

Il giudice conferma la confisca delle auto e della villa



TREVISO
– Prima condanna per Luigi Compiano. Il giudice lo ha ritenuto colpevole di un'evasione fiscale da quasi 17 milioni di euro condannandolo a un anno e sei mesi di reclusione, pena sospesa e non menzione. Rigettando le istanze della difesa, rappresentata dagli avvocati Piero Barolo e Boris Cagnin, il Tribunale ha dato il via libera alla confisca delle auto sequestrate al patron della Nes e alla sua villa fuori mura a Treviso. Il pm Massimo De Bortoli, titolare delle indagini, aveva chiesto una condanna a due anni e otto mesi di reclusione. Compiano era accusato di un mancato versamento milionario dell'Iva negli anni tra il 2011 e il 2013: un debito con l'erario di 12,8 milioni di euro per quanto riguarda la Nes e quasi 1,2 milioni per la Vigilanza Compiano, ai quali si aggiungevano quelli relativi alle società satellite riconducibili al gruppo di Silea.