Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni promuove un incontro tra i soci in un Campo da Golf, con l’intento di far chiarezza su qualcosa di particolare emerso nella stagione. Puntualizzare,e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/144: A DUBAI IL DP WORLD TOUR CHAMPIONSHIP

Vince l'inglese Fitspatrick, ad Henrik Stenson la Race to Dubai


DUBAI - Avevamo lasciato i nostri azzurri sull’European Tour al termine del Turkish Airlines Open, con la speranza che Manassero e Paratore conquistassero in Sud Africa la carta per giocare a Dubai. Paratore ce l’ha fatta, e son contento. Manassero no, e mi dispiace. Restano quindi a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Giudicato colpevole di un'evasione fiscale da quasi 17 milioni

PRIMA CONDANNA PER LUIGI COMPIANO: UN ANNO E MEZZO

Il giudice conferma la confisca delle auto e della villa



TREVISO
– Prima condanna per Luigi Compiano. Il giudice lo ha ritenuto colpevole di un'evasione fiscale da quasi 17 milioni di euro condannandolo a un anno e sei mesi di reclusione, pena sospesa e non menzione. Rigettando le istanze della difesa, rappresentata dagli avvocati Piero Barolo e Boris Cagnin, il Tribunale ha dato il via libera alla confisca delle auto sequestrate al patron della Nes e alla sua villa fuori mura a Treviso. Il pm Massimo De Bortoli, titolare delle indagini, aveva chiesto una condanna a due anni e otto mesi di reclusione. Compiano era accusato di un mancato versamento milionario dell'Iva negli anni tra il 2011 e il 2013: un debito con l'erario di 12,8 milioni di euro per quanto riguarda la Nes e quasi 1,2 milioni per la Vigilanza Compiano, ai quali si aggiungevano quelli relativi alle società satellite riconducibili al gruppo di Silea.