Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/153: IL WINTER 4 PALLE A CA' DELLA NAVE

Nuova tappa del circuito griffato Cristianevents


CA' DELLA NAVE - Rinviata per maltempo la Louisiana a due del giorno 15, che sarà riprogrammata per il 5 di febbraio, domenica 22 è partita finalmente a Cà della Nave la lunga teoria dei “Cristianevents”, con la gara a coppie “4 palle”. Il regolamento...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/152: IN SUDAFRICA, EDO MOLINARI TRA I PROTAGONISTI

Nella tappa "australe" dell'European Tour si impone l'inglese Storm


Edoardo Molinari, Nino Bertasio e il dilettante romano Philip Geerts, sono gli azzurri impegnati nel torneo BMW South African Open dell’European Tour, combinato con il Sunshine Tour, in atto dal 12 al 15 gennaio. Il Campo di gioco è il Glendower (par 72) di City of Ekurhuleni. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/151: GLI AZZURRI ALLA QUALIFICAZIONE PER IL TOUR ASIATICO

Alle Hawaii via al Pga: nel torneo dei campioni comanda Justin Thomas


Due interessanti manifestazioni in questi giorni, alle Hawaii e in Tailandia: mentre la PGA americana dà il via al torneo riservato ai vincitori della scorsa stagione che segna anche l’inizio del Tour statunitense, gli azzurri Alessandro Tadini (piemontese) e Aron Zemmer (ventiseienne...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Giudicato colpevole di un'evasione fiscale da quasi 17 milioni

PRIMA CONDANNA PER LUIGI COMPIANO: UN ANNO E MEZZO

Il giudice conferma la confisca delle auto e della villa



TREVISO
– Prima condanna per Luigi Compiano. Il giudice lo ha ritenuto colpevole di un'evasione fiscale da quasi 17 milioni di euro condannandolo a un anno e sei mesi di reclusione, pena sospesa e non menzione. Rigettando le istanze della difesa, rappresentata dagli avvocati Piero Barolo e Boris Cagnin, il Tribunale ha dato il via libera alla confisca delle auto sequestrate al patron della Nes e alla sua villa fuori mura a Treviso. Il pm Massimo De Bortoli, titolare delle indagini, aveva chiesto una condanna a due anni e otto mesi di reclusione. Compiano era accusato di un mancato versamento milionario dell'Iva negli anni tra il 2011 e il 2013: un debito con l'erario di 12,8 milioni di euro per quanto riguarda la Nes e quasi 1,2 milioni per la Vigilanza Compiano, ai quali si aggiungevano quelli relativi alle società satellite riconducibili al gruppo di Silea.