Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO: Mirco Lorenzon invita Donald Trump a vederla a Fagarè

"QUELLA FRASE È DI UN SOLDATO, NON DI MUSSOLINI"

"Meglio un giorno da leone che cento anni da pecora"



TREVISO
- Donald Trump invitato nella Marca per conoscere l'origine della frase “Meglio vivere un giorno da leone che cento anni da pecora” che ha attribuito a Mussolini quando in realtà è stata pronunciata (anzi scritta) da un soldato italiano sul muro di una casa a Fagarè della Battaglia. L'iniziativa è di Mirco Lorenzon, assessore alla caccia della Provincia di Treviso. Tutto nasce appunto da polverone planetario suscitato dalla quella frase pronunciata dal miliardario americano in corsa nelle primarie dei repubblicani per strappare la candidatura alla presidenza degli Stati Uniti. Trump ha fatto propria una frase pronunciata da Benito Mussolini, che a sua volta l'aveva copiata. Quella frase ha fatto il giro del mondo grazie a Twitter e all'account che l'ha caricata, traducendola in inglese, che si chiama "ilduce2016" e come foto di profilo ha la faccia dello stesso Mussolini con i capelli del magnate americano. Per Lorenzon, però, la polemica non può cancellare le origini di quella frase che si trovano nella Marca al tempo della Prima Guerra Mondiale, aFagarè della Battaglia, per la precisione. “Donald Trump - spiega l'assessore provinciale - ha fatto conoscere a tutto il mondo una celebre e storica frase scritta da un nostro valoroso soldato sul muro di una casa a Fagarè durante la battaglia del Solstizio nel giugno del 1918”. Muro che poi è stato trasportato nel sacrario militare di Fagarè, dove riposano le spoglie di oltre 10mila caduti, tra i quali anche quelle di un soldato americano.