Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nel mirino le società Radar srl e la Vigilanza della Marca

NUOVI GUAI PER COMPIANO: UN MLN DI IVA NON VERSATA

Ancora in aula dopo la condanna per un'evasione da 17 mln


TREVISO - Dopo la prima condanna a un anno e sei mesi rimediata venerdì scorso per un'evasione fiscale da quasi 17 milioni di euro, con tanto di via libera da parte del Tribunale alla confisca delle auto e della villa fuori mura a Treviso, Luigi Compiano è tornato in aula per un altro procedimento penale satellite riguardante un omesso versamento Iva riguardante altre due società del gruppo, la Radar srl e la Vigilanza della Marca. L'omesso versamento dell'imposta sul valore aggiunto contestata a Compiano è di circa 300 mila euro per gli anni 2010 e 2011 per la Radar, 300 mila euro e 297 mila euro per gli anni 2010 e 2011 per l'Istituto di Vigilanza. Inizialmente erano stati contestati anche 207 mila euro per l'anno 2012 ma l'importo è sotto la soglia di legge e quindi non ha rilevanza penale. Gli avvocati Piero Barolo e Boris Cagnin stanno valutando se presentare richiesta di rito abbreviato, che porterebbe allo sconto di un terzo della pena in caso di condanna.