Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si tratta di un 47enne di Segusino e un 51enne di Pederobba

COLPO IN ABITAZIONE: PRESI I DUE COMPLICI DI CAVARZAN

Accusati di di un furto commesso il 17 febbraio a segusino



VALDOBBIADENE
– I carabinieri di Valdobbiadene hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti dei due presunti complici di Giorgio Cavarzan, arrestato per furto in abitazione il 17 febbraio scorso. Si tratta di Mario Francesconi, 51enne di Pederobba, e di Giorgio Candosin, 47enne di Segusino. I militari avevano sorpreso Cavarzan, in viale Italia a Segusino, allontanarsi dall'abitazione in auto con la refurtiva. In quell'occasione i due complici erano riusciti a darsi alla fuga scappando per i campi. Nonostante le immediate e serrate ricerche i due erano riusciti comunque a sottrarsi all’arresto. Ottenuto il via libera dal gip all'arresto, visto che entrambi erano già noti alle forze dell'ordine, i carabinieri si sono presentati a Caerano di San Marco nell’appartamento in cui avevano trovato rifugio e li hanno arrestati. Ora si trovano rinchiusi nel carcere di Santa Bona e sono stati messia disposizione dell'autorità giudiziaria. Per entrambi l’accusa è di furto aggravato in concorso.