Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto accusa per omicidio Lucia Lo Gatto e Manuel Palazzo

DELITTO GUALTIERI: CHIESTI 30 ANNI PER I DUE KILLER

La vittima ritrovata dietro il tempio del Canova a Possagno



POSSAGNO
- Trent'anni di reclusione ciascuno. Questa la richiesta di condanna formulata dal pm di Vicenza Serena Chimichi nei confronti di Manuel Palazzo e Lucia Lo Gatto, i due amanti (lui 27 anni, lei 41, difesi dagli avvocati Fabio Crea e Tiziana Ceschin) chiamati a rispondere di omicidio volontario premeditato e occultamento di cadavere per la morte di Aldo Gualtieri, 39enne di Romano d'Ezzelino. La vittima sarebbe stata prima stordita e poi uccisa con un violento colpo alla testa il 18 aprile dello scorso anno nell'appartamento del condominio Cristallo di Fellette dove viveva Aldo Gualtieri. Palazzo e la Lo Gatto, dopo aver caricato il corpo in auto e averlo coperto con un telo lasciando le gambe fuoriuscire dal bagagliaio, lo avrebbero abbandonato lungo una mulattiera alle spalle del Tempio del Canova a Possagno. Il cadavere di Gualtieri, carbonizzato e con il cranio fracassato, era stato rinvenuto in avanzato stato di decomposizione sotto un cumulo di pietre da due boscaioli il 23 aprile, cinque giorni dopo il delitto.