Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Sabato l'assemblea per la trasformazione dell'istituto in spa

OSTACOLI PER LE DELEGHE, L'ALLARME DEGLI AZIONISTI ASSOCIATI BPV

Secondo l'associazione i dipendenti fanno campagna per il sì


VALDOBBIADENE - Gli Azionisti Associati di Banca Popolare di Vicenza denunciano lungaggini e ostacoli per ottenere la documentazione per partecipare all'assemblea del gruppo bancario. L'asisse, in programma sabato, a Gambellara, dovrà decidere sulla trasformazione in spa dell'istituto berico e sull'avvio del percorso per l'aumento di capitale e per la quotazione in Borsa.
"Numerosi azionisti – risparmiatori ci segnalano che recatisi presso le filiali della banca al fine di ottenere l’autentica di firma sulle deleghe a favore di soci - scrive l'associazione in un comunicato - i funzionarie e/o i dipendenti della banca frappongono innumerevoli difficoltà e procedono con non richieste spiegazioni finalizzate ad indurre il socio ad esprimere un voto favorevole alla trasformazione in s.p.a., all’aumento del capitale, all’entrata in borsa". Secondo l'organizazione in taluni casi si arriva a chiedere di votare sì "affinchè i dipendenti non perdano il posto di lavoro".
Gli Azionisti associati sostengono da tempo la possibilità di evitare il passaggio in spa. "Tale sgradevolissima situazione - continua la nota - evidenzia il dramma che stanno vivendo in questo momento i dipendenti della banca e dimostra, ancora una volta, l’inadeguatezza dell’attuale dirigenza di Banca Popolare di Vicenza che non ha saputo né dare corrette direttive comportamentali né adeguata informazione che consentissero ai dipendenti di affrontare con accettabile serenità questo difficilissimo momento. L’associazione, pur biasimando il sopra descritto comportamento dei dipendenti, si asterrà dall’attivare azioni di sorta onde non aggravare il disagio che questi stanno vivendo".
Non si tratta comunque dell'unica difficoltà incontrata dai soci, secondo l'associazione guidata dall'avvocato Andrea Arman: "Ci viene anche segnalato che molti soci, specialmente anziani, non hanno ancora ricevuto la documentazione che consente la partecipazione all’assemblea e che questi vengono invitati telefonicamente a presentarsi presso gli sportelli bancari per il ritiro. L’associazione invita i vertici di Banca Popolare di Vicenza ad attivarsi immediatamente affinchè tutti i soci entrino in possesso, rimanendo al proprio domicilio, della documentazione idonea alla partecipazione all’assemblea del 5 marzo".