Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Concorso anomalo per Vania Lazzarato: 10 anni e 8 mesi

OMICIDIO LOMBARDI: SEDICI ANNI AD AMEDEO BONAN

Al fratello della vittima una provvisionale da 30 mila euro



VILLORBA
– Sedici anni di carcere per Amedeo Bonan, dicei anni e otto mesi per Vania Lazzarato. Questa la sentenza di condanna emessa dal gup bruno Casciarri nei confronti dei due imputati per l'omicidio volontario premeditato di Vito Lombardi, il 46enne trovato cadavere in un canale d'irrigazione in aperta campagna a Fontane di Villorba il 19 giugno 2015. Il giudice, non riconoscendo l'aggravante della premeditazione, ha inflitto il massimo della pena prevista ad Amedeo Bonan mentre ha modificato il capo d'imputazione per Vania Lazzarato, giudicandola colpevole del solo concorso anomalo nel delitto. Il giudice ha inoltre stabilito una provvisionale di 30 mila euro a titolo di risarcimento danni nei confronti del fratello della vittima. Al nipote, che si era anche lui costituito parte civile, per il momento non andrà nulla.