Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I sindacati: "Ocupazione femminile ancora ridotta"

MAMME AL LAVORO, PROBLEMA SEMPRE APERTO

Nella Marca 39 casi di discriminazioni legate alla maternità in 5 anni


TREVISO - Anche nella Marca, le donne continuano ad incontrare maggiori difficoltà ed ostacoli nel mondo del lavoro, rispetto ai colleghi uomini. In taluni casi subendo anche vere e proprie discrimazioni. Vittime soprattutto le madri-lavoratrici: le 39 vicende di discriminazioni di cui, negli ultimi cinque anni, si è fatta carico la Consigliera di parità provinciale (figura istituzionale con il compito di occuparsi proprio di queste tematiche), Stefania Barbieri, riguardano in prevalenze, episodi di mancata concessione di part-time, mobbing o demansionamento ai danni di lavoratrici durante la maternità o al rientro dopo la nascita del figlio. Il dato è emerso nel corso del convegno “Le politiche delle pari opportunità: dare continuità alle attività tra la scelta dell’Italia di tagliare i finanziamenti e le opportunità dei bandi Europei”, promosso da Cgil, Cisl e Uil e dalla stessa consigliera di parità
Per i casi in questione si è giunti ad un accordo di conciliazione di conciliazione con il coinvolgimento dei sindacati e della Direzione territoriale del lavoro. Ancora molto resta da fare però, ha spiegato Stefania Barbierie, in merito a strutture e iniziative che consentano un'effettiva conciliazione dell'attività professionale e della cura della famiglia, ancora spesso affidata alla donna, non solo per i figli, ma sempre più di frequente anche riguardo agli anziani.
Anche per queste ragioni, come ha ricordato Cinzia Bonan, della segreteria confederale della Cisl Treviso Belluno, nonostante alcuni miglioramenti, il tasso di occupazione femminile rimane ancora decisamente inferiore rispetto a quello maschile. E spesso le donne sono occupate con contratti come il part-time, che determinano pesanti ripercussioni, ad esempio, ai fini della pensione. L'incontro ha voluto rilanciare l'attenzione anche sui tagli operati dall'ultima legge di Stabilità ai fondi destinati alle politiche per le pari opportunità: una sforbiciata da quasi tre milioni all'anno per il triennio 2016-18.

Galleria fotograficaGalleria fotografica