Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ad accusare la banda cinque prostitute che si sono ribellate

RACKET DELLE LUCCIOLE: SEDICI ANNI DI CONDANNE

Sette le persone accusate di sfruttamento della prostituzione



PREGANZIOL
– Sedici anni di condanne per la prima tranche del processo contro il racket delle lucciole. Il gup angelo Mascolo ha inflitto 5 anni e 4 mesi a Petrit Gjini, albanese di 27 anni, e a Simona Mirabela Dragan, 22enne romena, e ha accolto il patteggiamento a 4 anni di Eduard Gjini, 24enne albanese considerato il capo della banda assieme al fratello Edmond, e a un anno e 8 mesi di Daniele Mastrella, 44 anni. Stralciate le posizioni di altre tre persone, che verranno giudicate nei prossimi mesi. Per l'accusa l'organizzazione controllava e sfruttava almeno una quindicina di lucciole lungo la Pontebbana e il Terraglio e ognuna di loro avrebbe pagato una sorta di "affitto" della postazione da 250 euro alla settimana per ottenere protezione.