Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ad accusare la banda cinque prostitute che si sono ribellate

RACKET DELLE LUCCIOLE: SEDICI ANNI DI CONDANNE

Sette le persone accusate di sfruttamento della prostituzione



PREGANZIOL
– Sedici anni di condanne per la prima tranche del processo contro il racket delle lucciole. Il gup angelo Mascolo ha inflitto 5 anni e 4 mesi a Petrit Gjini, albanese di 27 anni, e a Simona Mirabela Dragan, 22enne romena, e ha accolto il patteggiamento a 4 anni di Eduard Gjini, 24enne albanese considerato il capo della banda assieme al fratello Edmond, e a un anno e 8 mesi di Daniele Mastrella, 44 anni. Stralciate le posizioni di altre tre persone, che verranno giudicate nei prossimi mesi. Per l'accusa l'organizzazione controllava e sfruttava almeno una quindicina di lucciole lungo la Pontebbana e il Terraglio e ognuna di loro avrebbe pagato una sorta di "affitto" della postazione da 250 euro alla settimana per ottenere protezione.