Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/163: IL CHALLENGE AIGG DIAVOLINA 2017 PRENDE IL VIA DAL MARCO SIMONE

L'ospitalitÓ di Laura Biagiotti e della figlia Lavinia per l'esordio del circuito dei giornalisti golfisti


ROMA - Come ogni anno, ha tappe importanti il challenge AIGG Diavolina. Questa laziale ne è il debutto, nella consueta due giorni romana, sicuramente considerevole. Oggi siamo al “Marco Simone” a Roma, proseguirà domani al “Terre dei Consoli” nel viterbese, per successivamente far tappa al “Bologna” e a “Le Fonti” in Emilia Romagna, a “Punta Ala” e “Terme di Saturnia” in Toscana, a “Cà della Nave” e “Montecchia” in Veneto, al “Colline del Gavi” e “Villa Carolina” in Piemonte, e a “Bergamo” e “Villa d’Este” in Lombardia. Oltre a questo giro d’Italia, c’è l’Alpen Cup in tre tappe nei GC di Asiago,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dati positivi dal Bollettino del lavoro della Provincia

PIU' ASSUNTI CHE LICENZIATI NELLA MARCA NEL 2015

Per la prima volta dal 2009 saldo positivo per 7mila unitÓ


TREVISO - Per la prima volta dall'inizio della crisi, torna in positivo il saldo tra assunti e licenziati nella Marca: nel 2015 i nuovi contratti di lavoro superano quelli cessati per 6.695 unità. La conferma arriva dal Bollettino del lavoro redatto dal Centro per l'impiego della Provincia di Treviso. "Considerato che dallo scoppio della recessione in avanti, sono stati persi circa 7mila posti all'anno - spiegano i responsabili - si può dire di aver recuperato un'annata".
Tra i vari settori, crescono soprattutto l'agricoltura, i servizi, ma anche l'industria, che nel computo annuale guadagna 1.840 addetti in più. E, mentre fino all'anno scorso, il bilancio era in positivo solo per i lavoratori al di sotto dei 30anni, ora il segno più precede tutte le fasce d'età fino a 55 anni.
Sulle assunzioni influiscono senza dubbio il Jobs act e gli incentivi varati dal governo: non a caso i nuovi rapporti di lavoro a tempo indeterminato nel 2015 sono aumentati dell'87% rispetto all'anno precedente. Segnali confortanti vengono anche dagli ingressi in mobilità, diminuiti rispetto a fine 2014, del 37,5%, e dalle vertenze sindacali, 178, quasi dimezzate l'anno scorso.
Il Centro per l’Impiego fa poi registrare +0,5% nella richiesta di lavoratori da parte delle aziende, +5,6% nella stipula di tirocini (ben 5.468 nel 2015) e +10,5% di inserimento lavorativo di disabili o svantaggiati ( 443, prima Provincia in Veneto nel 2015).
"Parlare di fine della crisi è prematuro, ma è ormai è il terzo trimestre che presentiamo dati positivi e dobbiamo essere incoraggiati, mi auguro che il 2015 sia stato un anno di svolta – spiega il presidente della Provincia, Leonardo Muraro - penso soprattutto al dato del grado di utilizzo degli impianti, ora al 73,1%, che nei periodi negativi aveva raggiunto il 50% e significava che le aziende lavorano soltanto a metà. Invece questo è un segnale importante, perché se le aziende lavorano, creano lavoro. Come vediamo, sono i macchinari esporati a guidare il mercato trevigiano, segno che l’innovazione e la tecnologia stanno portando risultati, così come la qualità del distretto del mobile e i prodotti tipici dell’agricoltura".

Galleria fotograficaGalleria fotografica