Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Approvata alla Camera, ora il passaggio al Senato

LEGGE SUL "DOPO DI NOI" SABATO SE NE PARLA A MASERADA

Tutelare beni e servizi per persone con disabilità e senza famiglia


Legge sul “Dopo di noi”, sabato 12 marzo a Maserada un convegno per approfondire il testo con On. Floriana Casellato e On. Margherita Miotto, proponente della legge in parlamento.

Con 374 voti favorevoli, 75 contrari e 11 astenuti, lo scorso 4 Febbraio è stato approvato in prima lettura dalla Camera dei deputati la legge cosiddetta “Dopo di noi” che ora è in discussione nelle commissioni al Senato.

“Fino a oggi non esisteva un livello essenziale per rendere esigibile il diritto di tutti. Con questa legge, si cambia. Per la prima volta, nell'ambito sociale, non sanitario, si introduce un obiettivo di servizio, primo passo per arrivare a un livello essenziale di assistenza sociale”. Dichiara la deputata del Partito Democratico Floriana Casellato, che ha organizzato un convegno per approfondire il testo, con la collega On. Miotto proponente della legge.


COSA PREVEDE LA LEGGE

La proposta di legge si ispira ai principi stabiliti dalla Costituzione, dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità. Nella Convenzione Onu, ad esempio, l’articolo 19 sancisce il diritto di tutte le persone con disabilità a vivere nella società, con la stessa libertà di scelta delle altre persone”.

La legge è destinata a tutte le persone con disabilità grave non determinata dal naturale invecchiamento o da patologie connesse alla senilità, prive di sostegno familiare, perché entrambi i genitori sono venuti a mancare oppure perché i genitori non sono in grado di sostenere la loro assistenza.
Nel testo è prevista la detraibilità delle spese sostenute per le polizze assicurative finalizzate alla tutela delle persone con disabilità grave (art. 5) e agevolazioni tributarie per i trust – una forma diprotezione legale – istituiti per le persone con disabilità grave (art. 6). Il trust serve a tutelare quei beni destinati ad esempio dai familiari a un fondo appositamente istituito, assicurandosi così che il patrimonio verrà usato a beneficio della persona disabile.
L’articolo 3 della proposta di legge istituisce presso il ministero del Lavoro e delle politiche sociali il Fondo per l’assistenza alle persone con disabilità grave e disabili prive del sostegno familiare. I requisiti per l’accesso alle misure di assistenza verranno individuate attraverso un decreto del ministero del Lavoro e delle politiche sociali. Il dicastero dovrà inoltre trasmettere alle Camere, entro il 30 giugno di ogni anno, una relazione sullo stato di attuazione delle disposizioni della legge.
Il Fondo è destinato all’attuazione degli obiettivi di servizio in particolare, tra gli altri, a realizzare programmi per la creazione di alloggi di tipo familiare, interventi di permanenza temporanea in abitazioni extrafamiliari. E quindi a sviluppare programmi di accrescimento della consapevolezza, di abilitazione e di sviluppo delle competenze per la gestione della vita quotidiana; infine, per il raggiungimento del maggior livello di autonomia possibile.
Al finanziamento dei programmi e degli interventi citati possono concorrere le regioni, gli enti locali, gli organismi del terzo settore nonché altri soggetti di diritto privato.
È previsto un fondo pubblico di 90 milioni per il 2016 e 150 milioni nel triennio.


“Con questa legge – spiega Casellato – abbiamo scelto di occuparci delle situazioni di solitudine più drammatiche: il ‘Dopo di noi’. Questa è la scelta politica che ha fatto il Partito Democratico: scegliere le situazioni davvero più bisognose. Il ‘Dopo di noi’ aspetta da anni. Noi compiamo un primo passo e lo facciamo con 90 milioni, ripartiti fra le regioni per interventi che sono pubblici, per il 2016. Dal 2017 si interverrà affiancando i soldi pubblici a risorse private, quelle che oggi già si possono spendere sul mercato, ma per i propri figli”.

“La nostra non è una logica individualistica, che non ci appartiene, bensì comunitaria e solidarista – dichiara la parlamentare Margherita Miotto membro della XII Commissione Affari Sociali - Con questa legge pensiamo a chi i soldi non li ha, e con quei soldi dei privati, accanto ai pubblici, diciamo che per tutti quelli che ne hanno bisogno ci sarà un intervento per il ‘Dopo di noi”. La logica che ci ispira è che a ciascuno va riconosciuto secondo il bisogno, da tutti, secondo le possibilità solidarista. Questo avviene per la sanità, avviene per la scuola, da oggi avviene anche per il sociale”, conclude l’On. Miotto.

Al convegno, organizzato per Sabato 12 Marzo dalle 9.30 a Maserada sul Piave, interverranno per un saluto anche Pier Paolo Faronato Direttore Servizi Sociali dell’Ulss 9 Treviso e Alberto Franceschini Presidente di Volontarinsieme – CSV Treviso (coordinamento di 350 associazioni volontariato della provincia).