Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/152: IN SUDAFRICA, EDO MOLINARI TRA I PROTAGONISTI

Nella tappa "australe" dell'European Tour si impone l'inglese Storm


Edoardo Molinari, Nino Bertasio e il dilettante romano Philip Geerts, sono gli azzurri impegnati nel torneo BMW South African Open dell’European Tour, combinato con il Sunshine Tour, in atto dal 12 al 15 gennaio. Il Campo di gioco è il Glendower (par 72) di City of Ekurhuleni. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/151: GLI AZZURRI ALLA QUALIFICAZIONE PER IL TOUR ASIATICO

Alle Hawaii via al Pga: nel torneo dei campioni comanda Justin Thomas


Due interessanti manifestazioni in questi giorni, alle Hawaii e in Tailandia: mentre la PGA americana dà il via al torneo riservato ai vincitori della scorsa stagione che segna anche l’inizio del Tour statunitense, gli azzurri Alessandro Tadini (piemontese) e Aron Zemmer (ventiseienne...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/150: IL BILANCIO AZZURRO DI UN ANNO SUI GREEN

Francesco Molinari ancora troppo solo e 4 nuove proette nel Tour


TREVISO - Ha ricevuto pennellate di azzurro da parte dei nostri giocatori, il mondo del professionismo nel 2016; si sono registrati ottimi risultati: di spicco, al consuntivo dell’annata, il trionfo di Francesco Molinari nel 73° Open d’Italia. Altrettanto bene si può dire per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Settimana di prevenzione della Lilt, intervista al presidente Alessandro Gava

"STILI DI VITA CORRETTI PER DIMEZZARE I CASI DI TUMORE"

Ogni anno nella Marca, 5.500 nuovi ammalati


TREVISO - Ogni anno in provincia di Treviso circa 5.500 persone si ammalano di tumore.Un piccolo paese, che però potrebbe essere quasi dimezzato grazie a stili di vita più corretti. Domenica prende il via, anche nella Marca, la 15esima edizione della Settimana nazionale per la prevenzione oncologica promossa dalla Il dott. Alessandro GavaLega italiana per la lotta contro i tumori.
Al centro dell'attenzione, proprio la sensibilizzazione della popolazione verso comportamenti che possono avere un ruolo cruciale nell'evitare o ritardare l'insorgenza di queste malattie: non fumare (o smettere al più presto), privileggiare un'alimentazione basata sulla dieta mediterranea, con pasta, verdure, cereali, legumi, poca carne rossa, condimenti vegetali, in primis l'olio d'oliva, svolgere una moderata, ma costante attività fisica. Non a caso, lo slogan di questa edizione della manifestazione sarà proprio “La mia ricetta della salute? La prevenzione”. Le delegazioni della Lilt dal 13 al 21 marzo (ma anche nei giorni seguenti) saranno presenti in varie piazze ed altri luoghi del capoluogo e dei comprensori Castelfranco, Conegliano, Montebelluna, Oderzo e Vittorio Veneto. Non solo, l'associazione promuove progetti nelle scuole, corsi di cucina salutare, corsi per smettere di fumare e programmi di attività motoria.Tra gli eventi, il 22 marzo si svolgerà un convegno, in collaborazione con l'Ulss 9 e il Comune di Treviso, su “Il percorso vincente per la salute della donna”. Relatori, il neo direttore della Breast unit del Ca' Foncello, Paolo Burelli e il chirurgo senologo Nicola Balestrieri.
Nel Trevigiano i tumori con maggior incidenza colpiscono la mammella, i polmoni, la prostata e il colon-retto. Sotto osservazione, però, anche il fenomeno delle neoplasie al cervello, forse legato all'utilizzo di telefonini ed altri apparecchi.

Ne parliamo con il dottor Alessandro Gava, direttore dell'unità di Radioterapia dell'ospedale di Treviso e presidente provinciale della Lilt.

La locandina della Settimana della prevenzione Lilt