Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, il giovane era ospite dello zio a Mogliano

DERUBA SUL TRENO DUE TIFOSI DELLA ROMA, INCASTRATO DALLE TELECAMERE

Denunciato un 18enne romano, indagine-lampo della polfer


TREVISO - Durante il viaggio in treno tra Roma e Treviso ne aveva approfittato per derubare dello zaino una 41enne e del figlio 18enne che erano diretti a Udine per assistere alla partita Udinese-Roma. Il bottino? Due sciarpe giallorosse, il portafogli che conteneva una ventina di euro, un cellulare e i biglietti per il match di campionato. Il ladro non aveva fatto i conti con le telecamere di videosorveglianza della stazione ferroviaria di Treviso che lo avevano immortalato mentre svuotava lo zaino e poi saliva, con la refurtiva, a bordo di un'auto, quella di un suo zio che vive a Mogliano ed era venuto a prenderlo.
A finire nei guai un ragazzo di appena 18 anni, originario di Roma come le sue “vittime”: il giovane era stato mandato dai genitori nella Marca proprio perchè cominciasse a rigare dritto. L'indagine-lampo della polizia ferroviaria di Treviso e di Pordenone, dove era stata presentata domenica mattina la denuncia da parte della 41enne e del figlio, ha permesso di recuperare interamente la refurtiva. Il soggiorno dei due tifosi romanisti si è concluso nel migliore dei modi; pur non avendo materialmente il biglietto, grazie alla denuncia, hanno potuto assistere al match dello stadio Friuli.