Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/163: IL CHALLENGE AIGG DIAVOLINA 2017 PRENDE IL VIA DAL MARCO SIMONE

L'ospitalitÓ di Laura Biagiotti e della figlia Lavinia per l'esordio del circuito dei giornalisti golfisti


ROMA - Come ogni anno, ha tappe importanti il challenge AIGG Diavolina. Questa laziale ne è il debutto, nella consueta due giorni romana, sicuramente considerevole. Oggi siamo al “Marco Simone” a Roma, proseguirà domani al “Terre dei Consoli” nel viterbese, per successivamente far tappa al “Bologna” e a “Le Fonti” in Emilia Romagna, a “Punta Ala” e “Terme di Saturnia” in Toscana, a “Cà della Nave” e “Montecchia” in Veneto, al “Colline del Gavi” e “Villa Carolina” in Piemonte, e a “Bergamo” e “Villa d’Este” in Lombardia. Oltre a questo giro d’Italia, c’è l’Alpen Cup in tre tappe nei GC di Asiago,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nel centenario della Grande guerra su Piave, Grappa e Montello

PARTE LA MARCIA DI AVVICINAMENTO ALL'ADUNATA DEGLI ALPINI 2017

A Palazzo dei Trecento la costituzione del comitato organizzatore


TREVISO - "Un'adunata memorabile". Così è stata definita la 90esima Adunata nazionale degli Alpini, in programma a Treviso e in tutta la Marca dal 12 al 14 maggio 2017. Sarà l'Adunata del Piave, coinvolgendo l'intero territorio della provincia, con le sue quattro sezioni Treviso, Conegliano, Vittorio Veneto e
Valdobbiadene. Ieri si è costituito ufficialmente il Coa - Comitato organitore
adunata, l'organismo che coordinerà tutta la preparazione e le attività del raduno. Ne fanno parte: Luigi Cailotto (presidente),
 Adriano Crugnola (direttore generale dell'Ana, vicepresidente), Marino Marian (segretario ), Michele Dal Paos (responsabile amministrativo), Raffaele Panno (presidente sezione Treviso), Renato Genovese (consigliere nazionale Ana di riferimento per le sezioni trevigiane), Gianpietro Longo (responsabile tecnico), più i tre rappresnetanti degli enti locali: Otello Paraluppi (Comune di Treviso), Giuseppe Porcellato (Provincia di Treviso), Maurizio Gasparin (Regione Veneto)
Dopo la firma davanti al notaio, la cerimonia pubblica a Palazzo dei Trecento, guidata da Nicola Stefani (uno degli speaker delle manifestazioni alpine), di fronte ad un folto pubblico di alpini, sindaci, rresponsabili delle sezioni alpine coinvolte e dalle autorità tra cui il presidente della Provincia Leonardo Muraro, l’assessore regionale Elena Donazzan, il prefetto Laura Lega.
Felice per il ruolo che assumerà Treviso il sindaco Giovanni Manildo: “La penna nera? Ce l'ho in testa dal 1995 quando sono diventato alpino, ora che sono sindaco ancora di più; i valori che ho imparato dagli alpini - gioia, passione ma
anche abnegazione, fatica, dedizione - mi guidano oggi che sono stato chiamato ad amministrare la città. Sono certo che Treviso riserverà un'accoglienza più che calda a questa adunata del Piave, così speciale anche perché ricorda il centenario della Grande Guerra. Noi trevigiani siamo tutti un po' alpini".

Fiducioso nella riuscita dell’evento che mobiliterà migliaia di persone il presidente della sezione di Treviso Raffaele Panno che ha trovato “terreno più che fertile nelle sezioni consorelle”.
Per il presidente Coa, Luigi Cailotto sarà un evento in cui “gli Alpini
dimostreranno ancora una volta di saper fare squadra con obiettivi emozionali ma anche concreti ed economici”, tenendo conto che a breve il COA approverà un Codice Etico e che l’evento non ha scopo di lucro. 
Importante, secondo il
presidente nazionale ANA Sebastiano Favero, ricordare come questa adunata sarà davvero speciale poiché farà riferimento e animerà non solo Treviso ma anche il Piave, il Grappa e il Montello dove si decisero le sorti della prima Guerra mondiale, che sarà ricordata con eventi culturali preparatori all’Adunata.

Al termine della cerimonia buffet a cura degli studenti del Centro di formazione professionale di Lancenigo, vini dell’Istituto Cerletti di Conegliano.