Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO Tragedia a Colle Umberto, in un'abitazione di via dei Cinti

GARAGE IN FIAMME: MARITO E MOGLIE MUOIONO SOFFOCATI

Le vittime, 80enni, sono Emilio Alpago e Antonietta Siracusa


COLLE UMBERTO - Sono stati avvelenati dal fumo, soffocati nel sonno a causa di un incendio che è divampato nel garage che si trova al pianterreno della loro villetta in via dei Cinti, a Colle Umberto. Questa l'atroce fine di una coppia di anziani coniugi, Emilio Alpago e Antonietta Siracusa, marito e moglie, di 80 e 75 anni. La tragedia si è consumata all'alba, verso le 5.20 del mattino. Da una prima ricostruzione dei vigili del fuoco di Conegliano e Vittorio Veneto, giunti sul posto con diversi mezzi, le fiamme hanno avvolto un Lancia Musa e un'altra vettura che erano posteggiate nell'autorimessa e il fumo ha poi invaso l'appartamento che si trova al piano superiore, saturandolo.
A dare l'allarme è stato il figlio dei due anziani, Gianni, un carabiniere di 45 anni in servizio a Rio Pusteria, in provincia di Bolzano. L'uomo, risvegliato da alcuni rumori, è sceso di corsa: pensava inizialmente si trattasse dei ladri.
Uscendo il militare ha inavvertitamente chiuso la porta dell'abitazione; una volta sceso si è trovato di fronte ad un incendio che ha inutilmente cercato di domare, senza riuscirci e senza poter più raggiungere i genitori in casa. Il 45enne, bloccato dal fumo e dal fuoco, non ha potuto far altro che dare l'allarme e attendere i soccorsi. I vigili del fuoco giunti sul posto hanno spento le fiamme ma i genitori del carabiniere, quando sono stati raggiunti, erano già privi di vita. Anche il figlio, sotto chock, è stato invece ricoverato all'ospedale di Conegliano per un principio di intossicazione ma non sarebbe tuttavia in pericolo di vita. Sul posto sono giunti anche i carabinieri che hanno svolto gli accertamenti del caso. "Il loro figlio non si dà pace, continua a dire: è colpa mia, è colpa mia": questo quanto riferisce il sindaco di Colle Umberto, Edoardo Scarpis, che così è intervenuto ai nostri microfoni.