Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO Tragedia a Colle Umberto, in un'abitazione di via dei Cinti

GARAGE IN FIAMME: MARITO E MOGLIE MUOIONO SOFFOCATI

Le vittime, 80enni, sono Emilio Alpago e Antonietta Siracusa


COLLE UMBERTO - Sono stati avvelenati dal fumo, soffocati nel sonno a causa di un incendio che è divampato nel garage che si trova al pianterreno della loro villetta in via dei Cinti, a Colle Umberto. Questa l'atroce fine di una coppia di anziani coniugi, Emilio Alpago e Antonietta Siracusa, marito e moglie, di 80 e 75 anni. La tragedia si è consumata all'alba, verso le 5.20 del mattino. Da una prima ricostruzione dei vigili del fuoco di Conegliano e Vittorio Veneto, giunti sul posto con diversi mezzi, le fiamme hanno avvolto un Lancia Musa e un'altra vettura che erano posteggiate nell'autorimessa e il fumo ha poi invaso l'appartamento che si trova al piano superiore, saturandolo.
A dare l'allarme è stato il figlio dei due anziani, Gianni, un carabiniere di 45 anni in servizio a Rio Pusteria, in provincia di Bolzano. L'uomo, risvegliato da alcuni rumori, è sceso di corsa: pensava inizialmente si trattasse dei ladri.
Uscendo il militare ha inavvertitamente chiuso la porta dell'abitazione; una volta sceso si è trovato di fronte ad un incendio che ha inutilmente cercato di domare, senza riuscirci e senza poter più raggiungere i genitori in casa. Il 45enne, bloccato dal fumo e dal fuoco, non ha potuto far altro che dare l'allarme e attendere i soccorsi. I vigili del fuoco giunti sul posto hanno spento le fiamme ma i genitori del carabiniere, quando sono stati raggiunti, erano già privi di vita. Anche il figlio, sotto chock, è stato invece ricoverato all'ospedale di Conegliano per un principio di intossicazione ma non sarebbe tuttavia in pericolo di vita. Sul posto sono giunti anche i carabinieri che hanno svolto gli accertamenti del caso. "Il loro figlio non si dà pace, continua a dire: è colpa mia, è colpa mia": questo quanto riferisce il sindaco di Colle Umberto, Edoardo Scarpis, che così è intervenuto ai nostri microfoni.