Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accusati di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio

TRAFFICO DI AUTO DI LUSSO: IN OTTO RINVIATI A GIUDIZIO

La Polstrada di Treviso è riuscita a recuperare 22 vetture su 23



TREVISO
– Otto persone sono state rinviate a giudizio perchè accusate di essere componenti di una banda dedita al traffico di auto di lusso ottenute attraverso truffe, leasing mai pagati o appropriazioni indebite, radiate dal Pra, reimmatricolate e rivendute all'estero a ignari acquirenti, soprattutto in Svizzera, attraverso documenti falsi e prestanomi. Tutti sono accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere, riciclaggio, ricettazione, falso e appropriazione indebita. L'inchiesta, portata a termine dalla Polstrada di Treviso, ha permesso di recuperare 22 delle 23 auto trattate dall'organizzazione, tra cui Ferrari, Lamborghini, Audi e Bmw, per un valore complessivo di un milione di euro. L'indagine era partita da una segnalazione proveniente dall'agenzia di pratiche auto “Gobbo” di viale della Repubblica il 14 agosto del 2013.