Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In aula cinque persone: pagheranno 13 mila euro per l'oblazione

RIFIUTI NON CONFORMI ALLA DISCARICA "TERRA": A PROCESSO

Il sito di Castagnole di Paese è un'ex cava dei Mosole



PAESE
- Hanno deciso di pagare 13 mila euro a testa, scegliendo la via dell'oblazione, e uscire dal processo che li vede imputati di aver scaricato rifiuti non conformi nella discarica “Terra” di Castagnole di Paese. Si tratta di Rudi Mosole, Alberto Ferro, Claudio Ghezzo, Vittorio Salvagno e Alessio Bonetto. Con l'oblazione infatti il reato si estingue e il giudice decreterà il non luogo a procedere nei confronti di tutti e cinque gli imputati. Secondo quanto contestato dalla Procura di Treviso, le cinque persone finite alla sbarra per la violazione delle norme sui rifiuti, avrebbero conferito alla discarica di Casagnole, ricavata da un'ex cava di proprietà della famiglia Mosole, materiali non rispettosi delle norme che regolano l'attività del sito.