Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In aula cinque persone: pagheranno 13 mila euro per l'oblazione

RIFIUTI NON CONFORMI ALLA DISCARICA "TERRA": A PROCESSO

Il sito di Castagnole di Paese è un'ex cava dei Mosole



PAESE
- Hanno deciso di pagare 13 mila euro a testa, scegliendo la via dell'oblazione, e uscire dal processo che li vede imputati di aver scaricato rifiuti non conformi nella discarica “Terra” di Castagnole di Paese. Si tratta di Rudi Mosole, Alberto Ferro, Claudio Ghezzo, Vittorio Salvagno e Alessio Bonetto. Con l'oblazione infatti il reato si estingue e il giudice decreterà il non luogo a procedere nei confronti di tutti e cinque gli imputati. Secondo quanto contestato dalla Procura di Treviso, le cinque persone finite alla sbarra per la violazione delle norme sui rifiuti, avrebbero conferito alla discarica di Casagnole, ricavata da un'ex cava di proprietà della famiglia Mosole, materiali non rispettosi delle norme che regolano l'attività del sito.