Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/157: IN MALESIA TRIONFA IL "QUASI ITALIANO" ZANOTTI

Tra gli azzurri bene Manassero e Paratore, "tagliato" Molinari


Prova impegnativa, per Nino Bertasio, Edoardo Molinari, Renato Paratore e Matteo Manassero, gli azzurri impegnati al Saujana G&CC di Kuala Lumpur in Malesia, nel torneo dell’European Tour organizzato dal 9 al 12 febbraio in collaborazione con Asian Tour. In palio c’erano 2.810.000...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/156: SERGIO GARCIA È IL MIGLIORE AL DESERT CLASSIC

A Dubai grandi nomi e... neve, delude Tiger Woods


DUBAI - Dal 2 al 5 febbraio, l’evento dell’European Tour che ha visto la partecipazione di Tiger Woods, e cui prendevano parte anche gli azzurri Matteo Manassero, Renato Paratore e Nino Bertasio. All’Emirates GC di Dubai Par 72. A difendere il titolo, era l’inglese Danny...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/155: I 25 ANNI DEL CLUB "I SALICI" DI TREVISO

Tra gli eventi per l'anniversario anche una Lousiana a due


TREVISO - Domenica 29 gennaio è partita la prima delle gare di corollario, al festeggio delle nozze d’argento che il Golf Club "I Salici" di Treviso celebra quest’anno: una gara di coppia, Louisiana a due. Ho avuto l’opportunità di partecipare anch’io, ed...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In aula cinque persone: pagheranno 13 mila euro per l'oblazione

RIFIUTI NON CONFORMI ALLA DISCARICA "TERRA": A PROCESSO

Il sito di Castagnole di Paese è un'ex cava dei Mosole



PAESE
- Hanno deciso di pagare 13 mila euro a testa, scegliendo la via dell'oblazione, e uscire dal processo che li vede imputati di aver scaricato rifiuti non conformi nella discarica “Terra” di Castagnole di Paese. Si tratta di Rudi Mosole, Alberto Ferro, Claudio Ghezzo, Vittorio Salvagno e Alessio Bonetto. Con l'oblazione infatti il reato si estingue e il giudice decreterà il non luogo a procedere nei confronti di tutti e cinque gli imputati. Secondo quanto contestato dalla Procura di Treviso, le cinque persone finite alla sbarra per la violazione delle norme sui rifiuti, avrebbero conferito alla discarica di Casagnole, ricavata da un'ex cava di proprietà della famiglia Mosole, materiali non rispettosi delle norme che regolano l'attività del sito.